Officina Sonora del Bigallo, un laboratorio musicale nella campagna toscana

0

FUL è andato nella campagna toscana a scoprire l’Officina Sonora del Bigallo di Lawrence Fancelli.

Uno studio di registrazione in una location da sogno, un luogo in cui natura e strumentazioni professionali si fondono al servizio della musica. Questo e altro è l’Officina Sonora del Bigallo, creatura di Lawrence Fancelli, tecnico del suono, musicista in Italia e in America, produttore di musica dal 1995. FUL lo ha intervistato per voi.

Lawrence come nasce il progetto di Officina Sonora del Bigallo?
L’idea di creare l’Officina Sonora del Bigallo nasce durante i miei 3 anni a New York, dove, oltre a lavorare nel campo della produzione e post produzione cinematografica, ho prodotto musica in diversi studi di registrazione. Queste esperienze sono state la base per progettare uno studio di registrazione ideale per me, che potesse rispondere alle reali esigenze che avevo captato in quel periodo.
Qual è il maggior punto di forza del tuo studio di registrazione, ciò che lo distingue dagli altri?
Lo studio si presta molto al tracking – la registrazione di band, gruppi, ensemble e solisti – perché la sala di ripresa è spaziosa e molto performante a livello acustico. La caratteristica distintiva di Officina Sonora del Bigallo è la possibilità di effettuare registrazioni multi-room: su progetto di Donato Masci, sono state cablate ben 4 stanze diverse, in cui i vari musicisti possono suonare insieme, ma essere registrati in isolamento. Inoltre mettiamo a disposizione un pianoforte Steinway and Sons, tenuto a temperatura e tasso di umidità
costante per preservarne le caratteristiche sonore. Tra gli altri, sono presenti strumenti quali l’organo Hammond B3, il Wurlitzer, il Fender Rhodes, diversi amplificatori, chitarre e bassi elettrici. Un equipaggiamento simile viene molto apprezzato dai musicisti!
La scelta di una location suggestiva, in piena campagna, risponde a esigenze artistiche particolari?
La posizione privilegiata dello studio, immerso nella campagna ma a meno di 7 km dal centro di Firenze, permette ai musicisti di suonare a qualsiasi ora in un ambiente rilassante, senza rinunciare alle comodità della città.
Che tipo di musica si può produrre nel tuo studio?
A livello di strumentazione professionale, l’Officina Sonora del Bigallo è sicuramente all’avanguardia. Lo studio si presta alla produzione di rock, pop, jazz e musica classica, soprattutto per lo spazio e l’acustica, ma anche per la vasta scelta di microfoni e preamplificatori. C’è spazio però anche per la musica elettronica: data la mia personale passione, ho dotato l’Officina Sonora del Bigallo di diversi synth analogici, digitali e
software, oltre a outboard utili per questo tipo di produzioni.
L’Officina Sonora del Bigallo si avvale di molti professionisti in campo musicale. Tu metti a disposizione la tua lunga esperienza di fonico e musicista.
Io mi occupo principalmente degli aspetti tecnici, ma anche di produzione pop, rock ed elettronica. Il compositore e pianista Paolo Cognetti ha una propria sala di pre-produzione, dove si occupa di musica applicata, mock-up e arrangiamenti orchestrali. In questa direzione l’Officina Sonora del Bigallo sta avviando, con la neo formata orchestra La Filharmonie, un progetto di registrazione di sezioni orchestrali come sweetening sessions, in cui si uniscono i suoni di strumenti reali alle composizioni realizzate esclusivamente da librerie sonore.
Figlia dello studio di registrazione, hai lanciato l’etichetta OSB Records, come è nata? La collaborazione con Aurelio Colucci e Paolo Cognetti, membri del team di Officina Sonora del
Bigallo, come si è sviluppata?

L’OSB Records nasce da un progetto di Aurelio Colucci, consulente discografico e manageriale dell’Officina Sonora del Bigallo. L’idea di fondo è offrire una possibilità di produzione agli artisti emergenti, che non vengono supportati nello sviluppo artistico dalle majors. L’OSB
Records cura la commercializzazione del prodotto, ma senza dimenticare la dimensione di «condivisione sociale, pratica fondamentale per creare un flusso aggregante di persone», secondo le parole di Aurelio. Nel 2014, poco dopo la nascita dell’Officina Sonora del Bigallo, si è avviata la collaborazione con Paolo – per il supporto musicale e cinematografico – e Aurelio. Paolo Cognetti è diplomato al conservatorio Cherubini in pianoforte e composizione, ha un master in musica per film, televisione e videogames al Berklee College of Music. Aurelio è stato ingaggiato come consulente discografico e manageriale, oltre che programmatore strategico per dare la giusta direzione all’Officina Sonora del Bigallo, grazie alla sua ventennale esperienza in campo musicale.
L’Officina Sonora del Bigallo non è solo uno studio di registrazione: è possibile anche alloggiarci! Come ti è venuta l’idea?
L’idea è emersa in modo naturale: proprio davanti alla vecchia stalla dove ora si trova lo studio, c’è una casa colonica da poco ristrutturata con 4 camere da letto. Una situazione ideale per consentire ai musicisti di creare in piena libertà senza limiti di orario.
Offriamo anche servizi aggiuntivi, come personal chef o transfer da o per aeroporti e stazioni: tutto allo scopo di agevolare la permanenza e la creazione artistica dei musicisti, che però ci scelgono per l’attrezzatura, l’acustica e le competenze del nostro personale tecnico.
Concludiamo con uno sguardo al futuro: buoni propositi e prossime tappe del progetto Officina Sonora del Bigallo?
Oltre alla collaborazione con l’orchestra Filharmonie, abbiamo in programma alcuni album in uscita su OSB Records nel 2018, in particolare un progetto pop elettroacustico di un
artista internazionale. Inoltre ci occuperemo della sonorizzazione di un lungometraggio del regista americano Zach Marion, oltre a continuare la promozione dell’album piano solo
Rinascita di Paolo Cognetti.

Musicisti in cerca di ispirazione, di strumentazioni professionali e di un’oasi di pace fuori dal caos cittadino, sappiate che le porte dell’Officina sono sempre aperte! Potete prenotare
lo studio di registrazione per tutto il tempo necessario alla produzione della vostra musica. Cosa aspettate? •

www.officinasonorabigallo.com

ENGLISH VERSION>>>>
Lawrence, how was the Officina Sonora del Bigallo Project born?
This idea was born during the 3 years I spent in New York, where I produced music in different recording studios. Those experiences were the basis to develop my ideal recording studio.
What’s the strong point of your recording studio?
The studio is very good for tracking (the recording of bands, ensemble and solo artists) since the practice room has got a lot of space and a good acoustics. Its main characteristics is the possibility to make multi-room recordings: we have wired 4 different rooms (Donato Masci’s project) where different musicians can play together but record separately. Moreover we offer a Steinway and Sons piano, kept at a specific temperature and humidity level in order to preserve its sound characteristics. There also other instruments like: Hammond B3 organum, Wurlitzer, Fender Rhodes, different amplifier, guitars and electric basses.
Did you chose this location for a specific reason?
Our studio is immersed in the nature but also very near to the center of Florence (7km). It allows musicians to play at any hour in a very relaxing setting, without renouncing to commodity.
What kind of music can be recorded in your studio?
It fits for rock, pop, jazz and classic music, mainly for the space and acoustics. There is space also for the electronic music: since I really love it, I’ve equipped the studio of different analogic and digital synthesizers, softwares, and useful outboards.
You are a professional player and you offer your knowledge and competence to the artists.
I mainly deal with the technical aspects but also production of pop, rock and electronic music.
The composer and pianist Paolo Cognetti has a personal pre-production room where he deals with
applied music, mock-up and orchestral arrangements.
You have also created a record label, OSB Records…
OSB Records was born from an Aurelio Colucci’s project. He is a discographic and management consultant of Officina Sonora del Bigallo. We wanted to offer a chance to the emerging artists to be produced, since the majors usually don’t support them. OSB Records follows the promotion of the product, paying attention to the relationships, too.
Here artists can also sleep. Where does this idea come from?
Naturally! Right in front of the stable there is an old farmhouse recently modernized, with four bedrooms. It’s a perfect solutions for the artists who want to create without any restriction of time. We offer also some services like: personal chef, transportation for and from airports or stations.
What are the future steps of Officina Sonora del Bigallo?
A collaboration with Filharmonie orchestra, some albums in 2018. Moreover we will work on the sound of the solo piano album Rinascita by Paolo Cognetti. •

Testo di Elisa d’Agostino
Foto Officina Sonora del Bigallo

Share.