Parte la stagione del Tenax: musica, ricerca teatrale e un’academy per DJ

0

Inaugura oggi la nuova stagione dello storico club fiorentino. Musica e non solo: tra le novità, la Tenax Academy e un laboratorio di ricerca teatrale.

 

Inaugura oggi, la 36esima stagione del Tenax, con una opening night che vedrà protagonisti il Dj resident Alex Neri e le sonorità degli ospiti internazionali Cab Drivers. Oltre alla consueta programmazione serale, che vede in programma date con vari talenti (il programma completo sul sito, www.tenax.org), quest’anno il Tenax ha il progetto di creare una nuova socialità della vita notturna.

La discoteca depone la sua veste esclusivamente “dancing” per introdurre i laboratori teatrali curati dal regista Giancarlo Cauteruccio e la Tenax Academy, una scuola per diventare dj producers 2.0.  Il prossimo 6 novembre prenderà infatti il via il nuovo contenitore KRYTENX, acronimo che indica la stretta collaborazione tra Tenax Club e il Teatro Studio Krypton, gruppo di ricerca teatrale multimedia che negli storici anni ’80 fiorentini assunse la tecnologia laser e visuale come elemento portante per il suo viaggio nel teatro contemporaneo. “KRYTENX è il contenitore del progetto periferika performing art place, che rappresenta il primo passo di un laboratorio permanente diretto da Giancarlo Cauteruccio con il coinvolgimento di un folto gruppo di giovani artisti, studenti universitari e giovani operatori delle arti sceniche, video e web. Si svolgerà fino al 23 novembre ed evidenzierà il lavoro creativo del laboratorio nei tre giovedì presenti nel periodo, tre performance site specific create dal laboratorio e offerte al pubblico alle ore 21,30 seguite da un dj set. Le tre performance saranno ispirate rispettivamente a: LAPERCEZIONEDELNERO,  LAVIBRAZIONEDELBIANCO, LAPRESSIONEDELROSSO. Un progetto che si svilupperà nella periferia fiorentina, tutto proiettato sull’energia creativa dei giovani coinvolti. Convinti come siamo che in questo momento sia necessario rilanciare la coniugazione tra spazio dell’intrattenimento e del divertimento con i linguaggi dell’arte, questo primo esperimento vuole essere il prologo di un più ampio progetto che sarà sviluppato nel triennio 2018-2019-2020”.

Inoltre, la TENAX ACADEMY: una vera e propria accademia del suono in cui celebri djs e producers terranno lezioni pratiche e teoriche di mixaggio e produzione musicale, andando ad analizzare tutte le molteplici sfumature dell’arte del djing. “Tricks per lo studio, storia della club culture, scelta musicale e tecniche di mix saranno solo alcuni degli argomenti trattati da professionisti che vivono questo mestiere in prima persona e portano la loro passione tradotta in musica in giro per tutto il mondo. Il corso si rivolge sia ai djs che ai producers e avrà fra i suoi primi ospiti Alex Neri, Marco Faraone, Mass_Prod, Zee aka Matteo Zarcone, Fabio della Torre e Mennie. Una scuola di “Musica 2.0” nella quale tradizione e tecnologia verranno fuse e modellate assieme per trasmettere al meglio agli studenti l’evoluzione della figura del dj/producer e del suo metodo di lavoro, grazie anche al coinvolgimento diretto di aziende prestigiose del settore, tra cui Pioneer e NEO, che metteranno a disposizione strumentazioni sempre all’avanguardia ed il proprio know how per garantire il miglior training possibile. Alla fine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza e agli studenti più meritevoli che si saranno distinti particolarmente verrà offerta l’occasione di una o più performance all’interno del club e l’eventuale pubblicazione di una traccia sull’etichetta Tenax Recordings”.

Infine, la comunicazione: in questa stagione le grafiche curate da Studio Proclama verteranno su tematiche di rilevanza sociale e saranno inserite in un concept più ampio intitolato “LOL – Ridi Pagliaccio”. I lavori grafici si ispireranno ad alcuni dei più importanti capolavori dei maestri dell’arte pittorica e scultorea. “Ogni opera è stata rivisitata in chiave contemporanea ed associata ad un tema specifico. Ecco quindi che al tema della violenza sulle donne troviamo Apollo e Dafne di Gian Lorenzo Bernini, a quello del Caporalato La libertà che guida il popolo di E. Delacroix, mentre a quello delle privazioni delle donne islamiche La Transverberazione di santa Teresa d’Avila di Gian Lorenzo Bernini. Nelle grafiche troveranno spazio anche altri argomenti fra cui: transessualità  (Caravaggio – Narciso),  Violenza su minori   (Caravaggio – Bacco), Disturbi alimentari  (P. Picasso – Demoiselle d’Avignon), Schiavitù sul lavoro (J.L. David – Morte di Marat), Omosessualità  (Antonio del Pollaiolo – Martirio di San Sebastiano), Rom, Sinti e Caminanti ( Piero della Francesca – Madonna della Misericordia)”.

Dunque Tenax, non solo musica: ancora un luogo di eventi d’arte della città, dove il fermento creativo è vivace, ricco e frastagliato.

www.tenax.org

Martina Scapigliati

 

Share.