Le pazze paillettes di Enrico Coveri

0
2 di 3

Lo Stile Coveri è innovativo, è eccesso, è esuberanza. Porta le paillettes fuori dai teatri e le pone sul piedistallo dell’alta moda. Si diverte, crea. Gioca con la ribellione, stuzzica le forme, mescola i colori.

“I rossi rossissimi, i gialli senza pudore, gli aranci sfrontati, verde, fucsia e lilla in gara per sorprendere.”

Dopo la Donna, è la volta dell’Uomo e poi delle linee Bambino, Underwear, Sport e Home. Da questo momento la casa di moda è inarrestabile. Coveri è ovunque e quasi a ringraziare coloro lo hanno reso inconfondibile, nel 1982 nasce Paillettes, uno dei profumi femminili più amati in assoluto.

Nel 1987 la Maison celebra i primi dieci anni del marchio e presenta l’esclusiva Enrico Coveri Boutique all’Opera Garnier di Parigi. Cento fra i più importanti artisti italiani realizzano un quadro ispirandosi allo Stile Coveri. In questa occasione lo stilista riceve dal Presidente francese Mitterrand la Grande Médaille de Vermeille de la Ville de Paris e nel nostro Paese viene nominato Commendatore della Repubblica Italiana, l’unico a ottenere questo riconoscimento prima dei 35 anni.

2 di 3
Share.

About Author

Fabrianese di nascita ma fiorentina di adozione, con la passione per i viaggi, la fotografia e l’architettura. Classe 1991, Pesci, collezionatrice seriale. Laureata in Architettura, indosso mocassini e ascolto indie rock. Leggo libri e vedo film. Dal 2017 ho il mio Blog di viaggio Tornopercena.com e oltre a collaborare con FUL – Firenze Urban Lifestyle, scrivo anche per National Geographic Traveler, Artribune e Viaggio nel Mondo.