Charles Lloyd & The Marvels, live imperdibile all’Empoli Jazz

0

A 80 anni suonati, il mito del jazz continua ad esibirsi in giro per il mondo in una sorta di seconda giovinezza musicale e torna in Italia in concerto. Grande appuntamento per lunedì 9 luglio all’Empoli Jazz Summer Festival.

 

Nato a Memphis, in Tennessee nel 1938, Charles Lloyd ha cominciato a suonare all’età di 9 anni e a soli 12 anni lavorava già per la banda blues di BB King. Compagno di band di Cannonball Adderley nei primi anni Sessanta, Charles Lloyd ha guidato una formazione storica (composta tra gli altri da Keith Jarrett) con la quale ha registrato uno dei primi album jazz che ha venduto oltre un milione di copie “Forest Flower” nel 1967. Quell’anno è stato addirittura invitato a suonare in Unione Sovietica, prima volta per un quartetto jazz americano. Vanta in seguito collaborazioni con i Doors e i Beach Boys.

Dopo una breve collaborazione con il pianista Michel Petrucciani nel 1981 si ritira nella sua casa californiana di Big Sur e rimane lontano dalle scene per alcuni anni anche per motivi di salute. Riprende ad esibirsi occasionalmente nel 1988 dopo un trionfale ritorno sul palco del celebre Montreux Festival e dal 1989 inizia a registrare per la ECM Records, inaugurando una lunga serie di dischi in cui figurano musicisti come Billy Higgins e John Abercrombie.

Nel 2015 a Umbria Jazz la sua ultima esibizione in Italia, dove ha celebrato il conferimento della Laurea Honoris causa dal più prestigioso collegio indipendente di studi musicali al mondo, il Berklee Music College di Boston.  

Il progetto con cui va in tour, The Marvels, prevede il supporto di un musicista di grande caratura, Bill Frisell, che tra rock e country, jazz e blues è uno dei chitarristi più vitali e produttivi d’America, nonché tra i più ricercati nella musica contemporanea. Originario di Baltimora, la sua carriera artistica trentennale ha attraversato numerose celebri registrazioni. Ha realizzato colonne sonore, arrangiamenti e vanta collaborazioni prestigiose, non solo jazz ma anche con artisti pop-rock come Elvis Costello, Suzanne Vega e Marianne Faithfull. Il suo disco “Unspeakable” nel 2005 ha vinto il Grammy Award come Best Contemporary Jazz Album.

Sul palcoscenico Lloyd e Frisell sono accompagnati da Reuben Rogers al contrabbasso e Eric Harland alla batteria.
Ricordiamo che grazie a un accordo con l’Associazione Empoli Jazz, FUL dispone di alcuni biglietti gratuiti per i nostri lettori. Gli interessati sono pregati di inviare una mail a: commerciale@firenzeurbanlifestyle.com 

Francesco Sani

 

Share.