Florence Queer Festival: tutti gli eventi

0

Dal 15 al 20 ottobre il Cinema La Compagnia di Firenze ospiterà una serie di eventi ricchi di anteprime, ospiti, attori, registi e scrittori dal mondo della cultura LGBTQ+.

Al via la diciassettesima edizione del Florence Queer Festival, la più importante rassegna toscana dedicata alla cultura Queer. Nato nel 2003, il Florence Queer Festival continua a proporre eventi di sensibilizzazione per raccontare l’universo gay, lesbico, bisex,trans e intersex. Attraverso cinema e video, teatro e fotografia, letteratura e costume, il festival racconta un’identità queer in continuo movimento e mutamento, che intende superare gli stereotipi nei quali è stata a lungo costretta, e da cui sembra non essersene liberata. Solo pochi giorni fa, la testata giornalistica La Repubblica , ha riportato la notizia di un ragazzo aggredito per aver affermato di essere gay. Una notizia che sembra presa da qualche reportage degli anni 70, ma che invece è profondamente attuale.

Florence Queer Festival

Tutto sulla diciassettesima edizione

File rouge di questa edizione sarà infatti l’impegno sociale e politico. Tra i primi interventi di questa edizioni ci sarà la proiezione di due reportage: Fuori! Storia del primo movimento omosessuale in Italia (1971-2011), a cura di Angelo Pezzana, Enzo Cucco e Michele Brignone,e Pisa 1979-2009, la prima marcia gay 30 anni dopo, da un’idea di Andrea Pini (entrambe le proiezioni ad ingresso gratuito, parte del programma Da Stonewall a Firenze. Culture lgbt e rock’n’roll realizzato nell’ambito dell’Estate Fiorentina).

Florence Queer Festival

In anteprima assoluta in Italia il film The spark” di Benoît Marocco,  ospite del FQF, documentario che arriva dalla Francia per raccontare il percorso di origine del “pride”, delle lotte per i diritti e l’uguaglianza. San Francisco, Parigi, New York: dalle repressioni del movimento negli anni ’60 alle battaglie per i matrimoni degli anni 2000. Non mancheranno però fiction come Orpheus’song di Tor Iben, Wild nights with Emily di Madeleine Olnek, Darkroom – Drops of Death di Rosa Van Praunheim, e il film di chiusura,Un Rubio, di Marco Berger.

Florence Queer Festival

Tra le esposizioni la mostra a cura di Bruno Casini e Luca Locati Luciani “Over the Rainbow 1969-1989. Vent’anni di clubbing e culture LGBT+, da New York a Firenze” che espone la connessione tra il capoluogo toascano i movimenti di Stonewall Inn. Un mese prima degli eventi d’oltre oceano, uno sparuto gruppo di omosessuali aveva distribuito volantini per protestare contro le persecuzioni omotransfobiche messe in atto dalla polizia fiorentina a seguito dell’omicidio di Ermanno Lavorini avvenuto a Vecchiano il 31 gennaio di quell’anno. In esposizione ci saranno volantini, riviste e memorabilia di gruppi LGBT+ come il Fuori!, il collettivo Boccadoro o Linea Lesbica Fiorentina. Altra mostra, sempre al Cinema La Compagnia, a cura di Sandra Nastri, Gianna Parenti*Eva Von Pigalle, un corpo che cambia…sulla scena, sulla tela, nella sua vita. 

In questo caleidoscopio ricco di cinema, documentari ed esposizioni, non mancheranno gli incontri dedicati ai libri e i Queerbook. Si parlerà de I movimenti omosessuali di liberazione di Mariarosa Spolato alla presenza di Nerina Milletti; Sguardi che contano. Il cinema al tempo della visibilità lesbica di Federica Fabbiani e Valerie Solanas e Solanas Mon Amour di Margherita Giacobino e Angelica de Palo.

Share.

About Author

Miriam Belpanno

Carrie Bradshaw è il mio alter ego ma anche Bridget Jones. Composta di carne, ossa e 70% di caffeina. Sono appassionata di libri, arte, cinema, viaggi e sessualità. Intraprendo sempre strade diverse, cercando di occuparmi di qualsiasi cosa che mi è sottomano e che merita di essere raccontata, scritta, letta.