Il Mugello raccontato su Instagram

0

Un racconto a suon di feed e story telling che trasmette agli utenti il valore e le eccellenze di un territorio che crede per davvero nel valore della rete

Il progetto non è a cura di un ente per il turismo o di un’amministrazione pubblica. L’idea nasce nel direttivo dell’azienda K-array che spesso, nonostante la diffusione dei propri componenti in tutto il mondo, usa i valori del marketing territoriale come baluardo di comunicazione aziendale.

La rete, le reti territoriali, sono risorse infinite che, in periodi come questo diventano essenziali per la difesa e la comunicazione di un determinato territorio. Nel Mugello, al di là degli slogan politici di molti amministratori di tutto lo stivale, ( che con la parola Rete hanno fatto politica per molti anni ), lo sanno bene, infatti, negli ultimi anni, l’unione e la collaborazione tra aziende di diverso settore ha creato una sorta di polo dello sviluppo che vede crescere le eccellenze del territorio.

K-experience la campagna che racconta sui social il made in Mugello

Abbiamo chiesto ad Andrea Torelli e Stefano Zaccaria rispettivamente Marketing Director e VP Sales & Marketing di K-array il perché di questa iniziativa a sostegno delle aziende del territorio, le loro risposte proiettano la linea dell’orizzonte un pochino più distante rispetto a logiche di territorio spesso limitate alla salvaguardia del proprio orticello.

Qual è l’importanza di raccontare l’esperienza?

“Nello scenario del Mugello, dove abbiamo il nostro stabilimento produttivo, accogliamo da sempre i nostri ospiti con tutte quelle attenzioni tipiche del buon padrone di casa che, orgoglioso delle tradizioni e della terra nelle quali affonda le proprie radici, conferisce ad ogni momento di ospitalità un sentito significato di ritualità tradizionale. In K-array siamo consapevoli che il cibo, gli oggetti e gli ambienti, siano una opportunità di incontro tra culture e conoscenze, dove l’approccio domestico e conviviale facilitano la condivisione di saperi, visioni e ambizioni. In questo momento costretto dalla Pandemia da Corona Virus, il distanziamento fisico è anche tra l’azienda ed i suoi partners, fornitori, distributori e clienti di tutto il mondo; ed è proprio in questo momento che abbiamo sentito la necessità di raccontare l’esperienza che sempre abbiamo cercato di far vivere ai nostri ospiti e siamo sicuri torneremo a far vivere di persona; per ora affidiamo alla Campagna Social K-EXPERIENCE il compito di raccontare l’esperienza fatta dell’eccellenza del nostro Made in Tuscany” ( Stefano Zaccaria )

k-experience

Quale prospettiva nel racconto del territorio?

Raccontare il nostro territorio, la nostra cultura, il nostro stile di vita tipicamente toscano è quindi il modo più immediato per raccontarci per quello che siamo realmente, come persone e come azienda. Diventa un percorso esperenziale che più di ogni altra cosa può avvicinare chiunque voglia conoscerci alla nostra più intima natura, a tutti quei valori che si nascondono anche dietro alla progettazione di un prodotto. K-experience è il racconto dei nostri valori in un bicchiere di vino. Assimilare cultura, visione e filosofia aziendale è uno stile di vita che trova la sua massima espressione intorno al tavolo perché, come insegna la tradizione imprenditoriale toscana, le pause hanno un ruolo strategico”. ( Andrea Torelli )

È raro trovare aziende che raccontano oltre a sé stesse anche il contesto territoriale nel quale operano, quindi, tutti quei valori sintesi delle eccellenze, della laboriosità e di un tipico e comune stile di vita legato alle tradizioni, diventano il vanto della comunità verso l’esterno, verso il mondo. Il tratto più originale della campagna ( che potete seguire qui ) sta proprio nel fatto che per raccontare questa storia di esperienze non è stata scelta una sola realtà imprenditoriale d’eccezione, ma l’intero territorio del Mugello, perché è l’insieme a fare la forza non il singolo!

Share.

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00