Le nostre Star Wars

0

In questi giorni di follia collettiva per l’ultimo episodio di Star Wars – Il Risveglio della Forza anche noi abbiamo la nostra recensione. Senza nemmeno l’ombra di uno spoiler, non temete!

Star-Wars-Episodio-VII-Il-Risveglio-della-Forza

Uccidere il padre o unirsi al lato oscuro della Forza? La trilogia storica di Star Wars altro non è che la rilettura moderna del complesso di Edipo: Luke rinnega il padre e si rifiuta di prenderne il posto. Trenta anni dopo la saga prosegue, e altri figli devono decidere quale strada prendere. Come può fare J.J. Abrams a portarci oltre Guerre Stellari? Come fare ora che il padre, George Lucas, ė ricco, un po’ rimbambito e palesemente inadatto ad accontentare il pubblico del Duemila?

Uccidere il padre, o seguirne l’esempio?

Abrams ė un tipo coraggioso, talmente innovativo da dare vita a veri e propri universi. Sa coniugare estetica retro e mondi futuribili; nessuno meglio di lui può riesumare un mondo ideato quaranta anni fa, conciliando le aspettative dei fan più esigenti e le ansie da prestazione al botteghino. Se qualcuno poteva salvare Guerre Stellari, era lui. E l’ha fatto.

Il Risveglio della forza oscilla tra sequel, omaggio e reboot della saga originale. La trama ricalca l’Episodio IV; c’è tutto quello che ci si aspetta e per cui amiamo Star Wars. Robot ligi agli ordini, truppe d’assalto incapaci di centrare qualsiasi bersaglio, dialoghi eccezionali. Il pubblico vuole l’azione e Abrams non lascia calare l’attenzione neanche per un secondo. La caratterizzazione dei personaggi è più approfondita che mai, perché le vere Guerre Stellari sono i conflitti interiori.

star-wars-il-risveglio-della-forza-online-il-nuovo-poster-v2-241111-1280x720

Sono le microstorie a creare l’Universo: non vogliamo (solo) la distruzione della Morte Nera, vogliamo che Han Solo e Leia si bacino, e che Luke si riconcili con Anakin. Senza quei turbamenti così simili ai nostri Star Wars sarebbe solo l’ennesima lotta per il potere, allegoria di una Guerra fredda o di qualche guerriglia latinoamericana. In fondo, chiediamo sempre la stessa cosa: rendere i personaggi complessi come noi, e farci credere di poter essere come loro.

Perché asettici cloni e non soldati con un flusso di coscienza e un libero arbitrio? Perché non riproporre il collaudato trio cavaliere Jedi, pilota infallibile e individualista pentito? Il gioco funziona, anche e soprattutto a genere invertito. E accanto alle facce nuove, naturalmente, ci sono loro: Han Solo, Leia e Luke. Tra soldati renitenti e Sith in crisi di identità, a farla da protagonista è ancora l’epopea degli Skywalker: ancora bellissimi, con le rughe di chi ha sconfitto l’Impero e gli Anni Ottanta.

harrison-ford-ha-visto-star-wars-il-risveglio-della-forza-v2-245611-1280x720

Per rincorrere i figli dei primi fan, la Disney aveva deluso i padri: della più grande saga della storia del cinema puoi sbagliare un prequel, ma non come va a finire. I rischi erano enormi, e se Abrams ha peccato lo ha fatto per troppa fedeltà. Ha scelto di unirsi al padre e seguirne l’esempio: fedele alla linea, forse anche troppo.

Per una volta il padre non viene ucciso. La novità è di facciata, ma poco importa. Abrams ci ha dato esattamente ciò che volevamo. Ora che ha dimostrato di meritare la nostra fiducia, può uccidere il padre: poi, finalmente, potremo uscire dal cinema e tornare a combattere le nostre personalissime Guerre Stellari.

Certi che tanto tempo fa, in una galassia lontana, le abbiamo stravinte.

Alessandro Bezzi

Share.

About Author

Jacopo Visani

"Non studio, non lavoro, non guardo la tv, non vado al cinema, non faccio sport" | instagram: @jacopovisani