A.i.r.o premia i ristoranti dell’olio 2020

0

Una bellissima cena, nella suggestiva cornice del Four Season di Firenze, per sancire i vincitori del concorso
“I ristoranti dell’olio 2020”

Lo chef dell’anno

Andrea Perini – ristorante al 588 di Bagno a Ripoli

E’ toscano lo chef dell’olio 2020 e non poteva che essere Andrea Perini del ristorante 588 di Bagno a Ripoli. Uno chef che ha fatto dell’olio extravergine di oliva il punto cardine della sua cucina, dove conta oltre 200 etichette, e che studia quotidianamente con innata passione la numerosa biodiversità della proposta olearia italiana.

Non solo olio in abbinamento ad i vari piatti ma, nella sua cucina, l’extravergine diventa ingrediente fondamentale per la riuscita di molte proposte in carta. Come ad esempio il piatto inserito nel menù della cena di gala del Four Season:
Tasche di pasta fresca ripiene di cacio, olio e pepe con crema d’aglio, parmigiano 24 mesi, bottarga di fegato di cinghiale e polvere d’aromi, con olio gran cru Fonte di Foiano ( anch’esso toscano ).

Il ristorante dell’anno

Il Patriarca di Bitonto dello chef Emanuele Natalizio è invece il ristorante dell’olio 2020. Un riconoscimento che va a premiare la cucina dello chef sempre molto attenta all’utilizzo del miglior extravergine per ogni piatto proposto ma che vuole premiare anche, e soprattutto, l’ampia selezione di oli extravergine che quotidianamente vengono offerti ai commensali del ristorante. Inoltre Emanuele Natalizio è uno degli chef che a livello nazionale più si impegna nella divulgazione della conoscenza dell’olio extravergine di oliva con l’organizzazione e la promozione di eventi ad esso dedicati.

miglior ristorante dell'olio

La pizzeria dell’anno

La pizzeria dell’olio 2020 è invece O Fiore Mio (Faenza) di Davide Fiorentini, uno dei primi pizzaioli d’Italia a credere nell’abbinamento olio/pizza e proporre nella sua pizzeria un’ampia selezione di oli provenienti da tutta Italia, selezione che ogni anno cambia in base ai raccolti ed in base alla qualità degli oli prodotti. L’olio è in effetti un condimento fondamentale per il gusto della pizza.

miglior ristorante dell'olio

La selezione degli oli premiati da a.i.r.o

Se volete farvi una scorta di olio di alta qualità tenete d’occhio questa lista, vi troverete delle prelibatezze uniche per la vostra tavola:

  • Selezione AIRO 2020 Ruggente DOP Chianti Classico – Castel Ruggero
  • Selezione AIRO 2020 Emozione – Decimi
  • Selezione AIRO 2020 Coratina – Oro di Rufolo
  • Selezione AIRO 2020 Titone BIO – Azienda Agricola Titone
  • Selezione AIRO 2020 Itran’s – Madonna dell’Olivo
  • Selezione AIRO 2020 Gran Cru – Fonte di Foiano
  • Selezione AIRO Aromatico Tonda Iblea – Cinque Colli
  • Selezione AIRO Elegante, Riserva – Fattoria Ambrosio
  • Selezione AIRO Complesso, Giove – Depalo
  • Selezione AIRO DOP, L’Olinto Frantoio DOP Chianti Classico BIO – Soc. Agr. Podere Grassi s.s.
  • Selezione AIRO IGP, Don Peppino IGP Sicilia – Az. Agr. Sikulus
  • Selezione AIRO BIO, Blend – Frantoio di Grevepesa

Un premio dalle tonalità rosa e dallo spirito nobile

Un premio alla sua prima edizione frutto del lavoro meticoloso ed essenziale, come ha ricordato giustamente il presidente Filippo Falugiani, delle donne A.i.r.o, su tutte le dottoresse Marta Mugelli ed Elisa Corneli.
Un premio che grazie alla calorosa partecipazione di molte autorità fiorentine ha permesso la raccolta di alcune migliaia di Euro che saranno devoluti alla ricerca sostenuta dall’Associazione Umberto Veronesi

La mission di A.i.r.o, associazione internazionale ristoranti dell’olio, è quella della divulgazione culturale della conoscenza dell’olio extravergine di oliva, attraverso corsi di formazione, libri ( ve ne abbiamo parlato qui ) e, appunto, concorsi.

Foto by Luca Managlia

Share.

About Author

Marco Provinciali

Ideatore nel 2011, insieme ad Ilaria Marchi, di FUL Magazine. Oggi ne coordino la redazione online e ne gestisco i contatti oltreché occuparmi delle tematiche inerenti al panorama food, mondo nel quale mi muovo da anni con alcune pubblicazioni e ideazione di festival tematici.Da oltre 30 anni calpesto con passione improbabili campi di calcio della periferia toscana.

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00