Alla Stazione Leopolda di Firenze arriva Testo [come si diventa un libro]

Tre giorni – dal 25 al 27 febbraio dalle 11:00 alle 20:00- dedicati all’editoria in cui si alterneranno eventi, presentazioni, laboratori e percorsi guidati. 

L’evento

Testo è un progetto – che si realizza in un evento annuale per lettori e addetti ai lavori – con l’obiettivo di raccontare come nasce un libro a partire dalla sua scrittura e dalla pubblicazione fino alla vendita e alla sua lettura. La manifestazione è coordinata da Pitti Immagine con la collaborazione di Todo Modo e il patrocinio della Regione Toscana, del Comune di Firenze e di Unicredit. 

Le tre giornate – a cui è possibile partecipare gratuitamente previa iscrizione – prevedono la partecipazione della grande editoria italiana ma anche di realtà indipendenti che presenteranno novità e titoli significativi come espositori.

“TESTO è un viaggio tra i libri e la bibliodiversità con un’attenzione speciale per la dimensione comunitaria dell’editoria, gli attori, le professioni, le conoscenze e le sensibilità che compongono l’ecologia editoriale”, spiega Agostino Poletto, amministratore unico di Stazione Leopolda e direttore generale di Pitti Immagine. “L’accurata selezione degli ospiti, la presenza paritaria di editori piccoli e grandi, la direzione artistica affidata a una squadra di curatori esperti, il coinvolgimento di un pubblico molto ampio, la rete locale e nazionale di soggetti che vogliamo valorizzare sono le caratteristiche che distinguono il nostro progetto”.

I partecipanti saranno coinvolti in un percorso di presentazioni ed incontri composto dalla fermata in sette stazioni e potranno così ripercorrere le fasi della vita del libro: il manoscritto- come si scrive un libro, il risvolto – come si pubblica un libro, la traduzione- come si traduce un libro; il segno – come si disegna un libro; il racconto – come si parla del libro, la libreria, – come si vende un libro, il lettore – come si legge un libro. Sarà possibile, quindi, conoscere da vicino le diverse professioni del mondo editoriale: dallo scrittore all’editor appunto, dal traduttore al grafico, fino al libraio e al lettore stesso. 

Oltre a i diversi laboratori a tema dedicati alla scrittura, alla traduzione e alla grafica il pubblico potrà muoversi nell’ecosistema libro in modalità interattiva grazie al programma di percorsi guidati “Ipertesto”. In questo caso, librai, bibliotecari, critici letterari, influencer, autori e i rappresentanti di altre rassegne dedicate ai libri faranno da guide tra i tavoli delle case editrici a piccoli gruppi di lettori. Ogni percorso prevede un titolo-tema o una passione, un’intuizione che fa da filo conduttore ad un sentiero di lettura composto da sette libri. Ogni lettore  creerà una mappa letteraria personalizzabile da condividere sui social. 

Il programma – che si presenta come un viaggio attraverso romanzi, saggi e mestieri dell’editoria – è stato ideato da un team di curatori, i capistazione appunto: Luca Braisco, editor di narrativa straniera, traduttore ed editore di “Minimum fax”; Andrea Gessner editore di Nottetempo; Beatrice Masini, traduttrice, scrittrice e direttrice di divisione di Bompiani; Giovanna Silva fotografa e Chiara Carpenter  editor fondatrici di Humboldt Books; Leonardo G. Luccone direttore dell’agenzia letteraria e studio editoriale Oblique; Maddalena Fossombroni e Pietro Torrigiani, fondatori di Todo Modo; Riccardo Ventrella responsabile relazioni internazionali della Fondazione Teatro della Toscana. 

Il percorso di allestimento alla Stazione Leopolda è stato curato da Alessandro Moradei e il progetto grafico di Testo è di Alessandro Gori.Laboratorium.

Gli ospiti e i partner 

Per quanto riguarda gli ospiti internazionali saranno presenti: lo scrittore israeliano Eshkol Nevo, la newyorchese originaria di Addis Abeba Maaza Mengiste vincitrice del Premio Gregor von Rezzori, lo scrittore e viaggiatore olandese Jan Brokkem noto per i suoi racconti di vite di personaggi fuori dal comune e i grandi protagonisti del mondo letterario e musicale, il marsigliese Régis Jauffret e la messicana Guadalupe Nettel tra gli autori più originali della letteratura latinoamericana contemporanea.

Tra gli autori italiani, invece: Fabio Bacà, Stefano Bartezzaghi, Massimo Carlotto, Ilide Carmignani, Csaba dalla Zorza, Jacopo De Michelis, Piero Dorfles, Mauro Ferrari, Chiara Guidi, Stefano Mancuso, Antonio Manzini, Ena Marchi, Daniele Mencarelli, Paolo Nori, Marco Peano,Veronica Raimo, Vanni Santoni, Marino Sinibaldi, Nadia Terranova, Chiara Valerio, Sofia Fabiano autrice del best seller Cucinare stanca e l’illustratore fumettista Manuele Fior. 

Obiettivo di Testo è quello di generare relazioni e connessioni tra le figure che fanno parte dell’editoria. Tra i partner sono, infatti, presenti: l’Institut français Firenze, il Teatro della Pergola, il Post in collaborazione con la Fondazione Peccioliper, ADI Associazione per il Disegno Industriale, L’Indiscreto, Firenze Rivista, Lucia Festival, Firenze Books (Confartigianato Firenze), UNICOOP Firenze.

Hanno seguito fin dall’inizio l’evolversi del progetto con attenzione e sensibilità anche AIE-Associazione Italiana Editori e ADEI-Associazione degli Editori Indipendenti.

A contribuire all’organizzazione è stata, inoltre, La Città dei Lettori, un progetto di Fondazione CR Firenze e dell’Associazione Wimbledon diretto da Gabriele Ametrano che presenterà anche gli autori della sua rivista. 

Oltre a scrittori ed editori, hanno collaborato e parteciperanno all’evento festival letterari, produttori di corsi universitari, master, concorsi letterari e premi.

The Santa Maddalena Foundation e il Premio Gregor von Rezzori.

Per quanto riguarda questi ultimi, infatti, oltre alla presentazione del premio Strega, ospiti speciali e partner di questa edizione di Testo sono The Santa Maddalena Foundation – storica fondazione toscana che ospita scrittori da tutte le parti del mondo – e il Premio Gregor von Rezzori. Quest’ultimo è un premio riservato ad autori esteri tradotti in italiano e promuove quindi l’incontro tra scrittori di opere contemporanea di primo piano, traduttori e pubblico italiano. Fondato nel 2007 per ricordare l’autore di romanzi che gli dà il nome è organizzato dalla Fondazione Santa Maddalena.

In uno spazio ideato dal regista Volker Schlöndorff sarà rievocata attraverso delle proiezioni una delle stanze abitate dagli scrittori presso la residenza nel Valdarno. Inoltre, allo stand saranno proiettate le testimonianze di alcuni autrici e autori che hanno vissuto a Santa Maddalena come Emmanuel Carrère, Jennifer Clement, Jhon Banville, Andrew Sean Greer, Kamila Shamsie, Colm Toìbìn, Michael Cunningham, Edmund White.

Foto a cura di Santa Maddalena Foundation

Venerdì 25 febbraio alle 16:00 si terrà una tavola rotonda “La città dei premi – i premi letterari: organizzazione, giuria e premiazione” a cui parteciperà Beatrice Mondi della Corte von Rezzori, fondatrice del famoso premio. Questo dibattito è promosso dalla Fondazione CR Toscana e dall’Associazione Wimbledon e vedrà a confronto i responsabili di alcune delle maggiori istituzioni italiane del settore.

Sabato 26 febbraio alle 11:00 Maaza Mengiste autrice di “Il Re Ombra” converserà con Anna Nadotti – traduttrice del romanzo e di molti autori legati alla Fondazione – della costruzione e ricostruzione di un testo a cavallo tra culture saldate da una storia dolorosa, del dovere e della pratica di dare voce a storie taciute e del ruolo ricoperto dalle donne in un conflitto che l’Italia esita ancora ad elaborare e di come le parole e la letteratura siano una forza anticoloniale potentissima. 

Testo rappresenta, quindi, un evento coinvolgente ed originale, un appuntamento da non perdere per gli appassionati e per tutti i protagonista del mondo dei libri chiamati a discutere e a confrontarsi attraverso input interattivi e stimolanti. 

https://testofirenze.it

info@testofirenze.it 

tel. 05536931

ARTICOLI CORRELATI