Firenze anti-movida: divieto della vendita degli alcolici dalle 20 alle 6

0

A partire da questo weekend, nel centro storico Firenze è vietata la vendita da asporto di bevande alcoliche. Il divieto fa però riferimento ad una specifica fascia oraria: non sarà possibile vendere alcolici, tutti i giorni, dalle 20 alle 6 del mattino. L’ordinanza è valida fino al 31 agosto.

L’atto fa parte dell’ordinanza “anti-movida”, firmata dal sindaco Nario Nardella, che anticipa di un’ora l’orario previsto dal Regolamento per la tutela del centro storico Unesco. Per i trasgressori sono previste multe da 25 a 500 euro.

firenze movida

Le zone dove non è possibile vendere alcolici a Firenze

Le zone interessate dall’ordinanza sono piazza Poggi, attraverso l’Arno lungo la linea della pescaia e comprende piazza Piave, viale della Giovine Italia, piazza Beccaria (lato rivolto verso il centro fino alla porta), viale Gramsci, piazzale Donatello (lato rivolto verso il centro compreso tutto il cimitero), viale Matteotti, piazza della Libertà (lato rivolto verso il centro sul quale confluiscono via Cavour e via San Gallo), viale Lavagnini, viale Strozzi, viale Caduti dei Lager, sottopasso ferroviario, viale Fratelli Rosselli, piazzale di Porta al Prato (lato rivolto verso il centro fino alla porta), viale Fratelli Rosselli (fino all’angolo con Lungarno Vespucci fino al Consolato americano).

Al centro Unesco si aggiunge il Parco delle Cascine, inteso come l’area compresa tra il Fosso Macinante, il torrente Mugnone, il fiume Arno e la piazza Vittorio Veneto.

Le immagini dell’assembramento e vandalismo

L’ordinanza anti-movida emessa, rappresenta una reazione alle immagini e ai fatti degli ultimi fine settimana ad alto tasso d’assembramento e alcol in Santo Spirito, Sant’Ambrogio e via Pellicceria. Oltre alla normativa del divieto di alcolici, è stato potenziato il pronto intervento notturno da parte delle forze dell’ordine, per evitare che riaccadano episodi come quello di piazza Sant’Ambrogio, dove i residenti sono stati minacciati e presi a bottigliate alle 4 del mattino dopo che si erano lamentati del baccano in strada. Negli ultimi giorni si sono verificate ulteriori tensioni connessi con atti di vandalismo.

Il compito di far osservare l’ordinanza è stato infatti affidato al corpo di Polizia municipale e agli altri agenti e ufficiali di polizia giudiziaria, che hanno anche la facoltà sequestrare le bevande alcoliche detenute illegittimamente.

Anche se resta possibile la somministrazione al tavolo, in seguito al periodo di lockdown il settore dei locali sta attraversando una acutissima crisi. Questa ordinanza chiaramente non contribuirà alla ripresa. Potevano essere trovate altre soluzioni per evitare gli assembramenti?

Fotografie Controradio

Share.

About Author

Miriam Belpanno

Carrie Bradshaw è il mio alter ego ma anche Bridget Jones. Composta di carne, ossa e 70% di caffeina. Sono appassionata di libri, arte, cinema, viaggi e sessualità. Intraprendo sempre strade diverse, cercando di occuparmi di qualsiasi cosa che mi è sottomano e che merita di essere raccontata, scritta, letta.

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00