Firenze nella Top10 di Lonely Planet – unica italiana

0

Bella tra le belle, Firenze è stata inserita da Lonely Planet nella TOP10 delle città di tutto il mondo da visitare nel 2022. E stavolta è proprio lei a reggere da sola la corona tra le italiane, infatti è l’unica meta del nostro Paese ad essere nella lista.

Best in Travel – evento che porta il nome della guida stessa di Lonely Planet – si è svolto ieri, proprio a Firenze. C’erano il Sindaco Dario Nardella, l’Assessora Cecilia Del Re, il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt – insieme a rappresentati di altre destinazioni premiate come le Isole Cook, il Giappone, la Slovenia e il Nepal.

firenze top 10 lonley planet

Culla del Rinascimento ma non solo. La guida racconta i tesori di Giotto, Michelangelo e Brunelleschi nel centro storico ma non solo. Lonely Planet parla anche di botteghe artigiane, della storica trattoria fiorentina Mario e del Caffè Cioccolateria Rivoire. Cita progetti collaterali alla tradizionale immagine di Firenze, come la rigenerazione urbana di Manifattura Tabacchi in luogo di cultura e arte contemporanea. Consiglia la riscoperta dell’incredibile patrimonio popolare tramite itinerari a piedi: piazze, edicole, street art ed atelier.

E poi il Corridoio Vasariano – che Eike Schmidt dice che vedremo riaprire nel 2022 per l’appunto.

Firenze si conferma LA città da visitare, questa volta però lo fa con l’augurio che chi la visiterà lo farà con occhi e sguardi rivolti non solo alle attrattive iconiche. Un invito, quindi, anche ad un turismo diverso da quello ante-Covid; dove speriamo che prevalga la consapevolezza del piacere della scoperta.

Share.

About Author

Fabrianese di nascita ma fiorentina di adozione, con la passione per i viaggi, la fotografia e l’architettura. Classe 1991, Pesci, collezionatrice seriale. Laureata in Architettura, indosso mocassini e ascolto indie rock. Leggo libri e vedo film. Dal 2017 ho il mio Blog di viaggio Tornopercena.com e oltre a collaborare con FUL – Firenze Urban Lifestyle, scrivo anche per National Geographic Traveler, Artribune e Viaggio nel Mondo.