Il tributo di Banksy a George Floyd

0

L’ultima opera pubblicata sul profilo instagram dall’artista britannico è una reazione all’omicidio di George Floyd che denuncia la società dei “bianchi”

Anche Banksy, uno tra i più noti e influenti artisti al mondo, si unisce alle proteste scoppiate dopo la morte di George Floyd per mano di un poliziotto di Minneapolis. Nella sua opera di denuncia è rappresentata una candela commemorativa che brucia la bandiera americana.

L’uccisione di George Floyd avvenuta lo scorso 25 maggio ha dato infatti vita a numerose manifestazioni in tutti gli stati uniti che si stanno rapidamente diffondendo in tutto il mondo. Proprio lo scorso fine settimana se ne sono tenute due anche a Firenze: la prima sabato davanti all’ambasciata statunitense, la seconda domenica in Piazza Santissima Annunziata.

Queste proteste stanno mettendo in crisi sia la leadership di Donald Trump, le cui reazioni si sono dimostrate a dir poco inadeguate, che certi fondamenti della società americana che appare ancora dominata da un forte razzismo.

Sono i “bianchi” ad aver detenuto il potere e ad aver di conseguenza creato queste condizioni, per questo Banksy ha accompagnato la sua opera con un testo di denuncia:

“Sulle prime pensavo di tenere la bocca chiusa e lasciare che fossero i neri a intervenire sulla questione. Perché farlo? Non è un loro problema, è il mio. Le persone di colore vengono ignorate dal sistema. Il sistema bianco. Come una tubatura rotta che allaga l’appartamento di sotto. Il sistema rotto rende la loro vita miserabile, ma ripararlo non è compito loro. Non possono, perché nessuno li farà entrare nell’appartamento al piano superiore. È un problema bianco. E se i bianchi non lo riparano, qualcuno verrà al piano di sopra e sfonderà la porta”.

L’opera di Banksy, ma soprattutto i fatti di questi giorni sono l’ennesimo richiamo a denunciare ogni razzismo nella società, ma, prima ancora, dentro di noi!

Share.

About Author

firenzeurbanlifestyle.com

⚡ Free magazine e sito web sulla vita a Firenze ⚡instagram: @ful_magazine

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00