Adolfo Natalini, se ne va l’architetto dell’utopia radical

0

Adolfo Natalini, nato a Pistoia, classe 1941. Ha fondato il Superstudio, dando vita ad una delle correnti architettoniche più importanti del secondo ‘900. 

Adolfo Natalini

Padre della sperimentazione, insieme ai visionari Cristiano Toraldo di Francia, Gian Piero Frassinelli, Roberto e Alessandro Magris, e Alessandro Poli. Professore ordinario presso la facoltà di Architettura di Firenze, membro onorario del BDA (Bund Deutscher Architekten) e del FAIA (Honorary Fellow American Institute of Architects), accademico dell’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze, dell’Accademia di Belle Arti di Carrara e dell’Accademia di San Luca.

In un’intervista per Artribune, aveva parlato dei progetti con cui più si identificava – uno per ogni decennio. Aveva scelto il Cimitero Monumentale dell’Antella – di cui racconta: “un progetto lungo una vita: iniziato il giorno in cui mi sono laureato nel 1966, ripreso nel 1998 e (quasi) completato nel 2009”. Il secondo è la ricostruzione del centro storico di Groningen, a seguito della vittoria in un concorso internazionale e di un referendum popolare. Successo raggiunto con una percentuale incredibile: 83,6%. Afferma: “Il primo progetto “a-modern” di una lunga serie: volevo ripartire da Berlage.” Il terzo è il Polo Universitario a Porta Tufi a Siena, datato 1995-2000. Il quarto è l’ampliamento del Museo dell’Opera di S. Maria del Fiore a Firenze, tra il 2001 e il 2015. Il sublime che descrive il sublime.

Adolfo Natalini

Ci ha traghettato in un mondo che ancora oggi affascina ed è continuo motivo di studio oltre che di ricerca. Il Monumento continuo del 1969, Le dodici città ideali e la Supersuperficie del 1971 sono tuttora inarrivabili fonti d’ispirazione. Appuntamenti col fantastico e con l’utopia. Desideri di progresso che sono stati declinati anche nel design. Nel 2017, infatti, Palazzo Strozzi dedica a questo multiuniverso la mostra Utopie Radicali | Oltre l’architettura: Firenze 1966-1976. Un caleidoscopico racconto della rottura con lo status quo fatto di colori, materiali e stoffe interpretate come sogni, visioni e trasgressioni. 

Adolfo Natalini lascia in eredità a Firenze e al mondo non solo i suoi disegni e le sue architetture, ma soprattutto un modo di pensare unico – un lunapark di teorie e idee. 

Natalini architetti

Share.

About Author

Avatar

Fabrianese di nascita ma fiorentina di adozione, con la passione per i viaggi, la fotografia e l’architettura. Classe 1991, Pesci, collezionatrice seriale. Laureata in Architettura, indosso mocassini e ascolto indie rock. Leggo libri e vedo film.Dal 2017 ho il mio Blog di viaggio Tornopercena.com e oltre a collaborare con FUL – Firenze Urban Lifestyle, scrivo anche per National Geographic Traveler, Artribune e Viaggio nel Mondo.

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00