Tornano le installazioni luminose del Firenze Light Festival

0

Grazie a F-Lightdall’8 dicembre 2021 fino al 9 gennaio 2022 Firenze si riempirà di installazioni luminose e artistiche, proiezioni, giochi di luce, suggestive illuminazioni di edifici, piazze e monumenti, per un evento divenuto punto di riferimento anche in ambito europeo.

Firenze Light Festival: l’edizione ’21-’22

Si intitola “Riflessioni. Dove siamo, dove andremo” l’edizione 2021 di F-Light – Firenze Light Festival, il festival delle luci promosso dal Comune di Firenze e organizzato da MUS.E, con la direzione artistica di Sergio Risaliti, che nel periodo delle festività natalizie, accenderà alcune fra le più importanti piazze e location di Firenze, dal Ponte Vecchio al Museo Galilei, da piazza San Lorenzo alla Camera di Commercio fino a piazza Santissima Annunziata, fino alle torri, alle porte della città e ai quartieri periferici.

Quest’anno è tempo di “Riflessioni” e di specchi. Per guardarsi dentro e capire chi siamo e dove andiamo – spiega Sergio Risaliti, curatore di F-Light -. Riflettere e specchiarsi per conoscersi e riconoscersi assieme agli altri. Riflessioni e riflessi di angolo in angolo, di punto in punto, sugli edifici e nelle piazze. Natale è anche questo scintillio di luci e di riflessi. Un po’ di gioia dopo due anni al buio, nel buio della notte, che abbiamo conosciuto e sofferto con la pandemia. Tempo di rinascita e di cambiamento. Le luci riflettono sulla corrente del fiume Arno, metafora del divenire, del correre del tempo”.

La manifestazione, realizzata con il patrocinio della Città Metropolitana di Firenze, con il contributo di Camera di Commercio di Firenze, con il sostegno prezioso di Terna e American Express, il supporto di Unicoop Firenze e EuroAmbiente Green solutions e grazie a Firenze Smart, vedrà come di consueto coinvolta la città nella sua totalità: dalle piazze e monumenti del centro storico fino alle periferie.

Dove e quando vedere le installazioni luminose

Tutti i giorni dalle 17:30 alle 24:00 Firenze si accenderà grazie a una serie di illuminazioni d’artista tra cui l’iconico videomapping sul Ponte Vecchio, monumentale proiezione sul tema della “riflessione”. A conclusione dell’anno dantesco, le proiezioni sulla facciata del Museo Galileo e della Camera di Commercio proporranno una visione della Divina Commedia come specchio della condizione umana, mentre l’installazione sul fianco della Basilica di San Lorenzo vedrà un collage di stilemi che si snoda fra il passato di miti come “Narciso” e una riflessione legata alla contemporaneità.

E ancora, sulla facciata dell’Istituto degli Innocenti, in piazza Santissima Annunziata, prenderà vita un’opera d’arte visuale che rappresenta simbolicamente la capacità dell’uomo di sfruttare poeticamente i big data e i flussi computazionali dell’intelligenza artificiale. Anche il loggiato del Museo Novecento tornerà ad illuminarsi per l’occasione, così come la facciata della palazzina del Forte Belvedere, la Torre della Zecca, la Basilica di San Miniato al Monte, le Rampe di Giuseppe Poggi, e tutte le porte e le torri che circondano il centro.

Come di consueto, F-Light – Firenze Light Festival non si limiterà al centro storico ma andrà ad accendere per tutto il periodo natalizio anche gli altri quattro quartieri fiorentini: nel Quartiere 2 farà la sua comparsa l’albero luminoso in piazza delle Cure e una grande stella a Settignano, nel Quartiere 3 saranno protagoniste le luminarie su piazza Bartali a Gavinana e piazza Acciaiuoli, al Galluzzo. E ancora nel Quartiere 4 tornerà l’albero col tunnel luminoso in piazza dell’Isolotto e la fontana di luci in piazza Paolo Uccello. Infine, nel Quartiere 5 comparirà una grande stella luminosa nel Parco di San Donato, a Novoli, e una composizione di sfere in Piazza Dalmazia.

Grazie alla preziosa collaborazione e all’impegno di Firenze Smart F-Light 2021 sarà inoltre l’occasione per ammirare le illuminazioni permanenti che dall’inizio di dicembre accenderanno il David in bronzo al Piazzale Michelangelo, la facciata della basilica di Santa Maria Novella il campanile della Badia Fiorentina. Ci saranno poi illuminazioni e luminarie speciali, realizzate grazie all’impegno di molte realtà fiorentine che, sposando l’iniziativa, contribuiscono regalando alla città nuove luci e suggestioni. È il caso di via Tornabuoni, dello Stadio Artemio Franchi, del Mercato Centrale, di piazza San Marco, della Torre di San Niccolò e della Rinascente in piazza della Repubblica.

Gli alberi di Natale

Come ogni anno, gli Alberi di Natale dei due palazzi cittadini – Palazzo vecchio e Palazzo Medici Riccardi – saranno in linea con il tema dell’edizione del festival. Ecco che, grazie al coordinamento di MUS.E, al supporto di Euroambiente – che fornirà le piante – e alla creatività degli allievi del Liceo Artistico Leon Battista Alberti – che hanno progettato e realizzato gli addobbi – il pubblico potrà apprezzare due alberi speciali. Sulle loro fronde si offrirà infatti agli occhi di tutti una congerie di riflessi e riflessioni, ispirata anche dalle architetture dei due edifici: in Palazzo Medici Riccardi i decori richiameranno motivi rinascimentali, mentre in Palazzo Vecchio daranno vita a un caleidoscopio di bagliori e di luci.

Quello 2021 sarà un Natale speciale, dove si respirerà la voglia di ripartire e rinascere, ma in totale sicurezza – ha commentato il sindaco Dario Nardella presentando le iniziative -. Proprio perché abbiamo tenuto un’attenzione altissima su mascherine, distanziamenti e vaccini ci possiamo permettere un Natale così, altrimenti sarebbe stato molto più complicato. Le varie iniziative hanno visto un lavoro di squadra con tante realtà, partner e sponsor che ci hanno supportato e che ringraziamo per l’attenzione e l’amore dimostrato verso la città. Questo Natale sarà un Natale all’insegna della fiducia e della sicurezza: rispettando le regole vivremo con più serenità. Per questo voglio fare anche un appello ai non fiorentini: venite a Firenze, siamo una città bella e sicura dal punto di vista sanitario, con oltre il 90% di vaccinazioni e dati dei contagi tra i più bassi”.

Un’edizione di luci, specchi e riflessioni – ha detto l’assessore al Turismo Cecilia Del Re – che vuole proprio stimolare una riflessione sul momento in corso per proiettarsi al domani attraverso l’arte digitale della luce. Un progetto che avvolgerà non solo il centro storico ma anche i quartieri della città per animare le feste di ogni rione e valorizzare anche dal punto di vista di promozione del nostro territorio un’offerta sempre più varia e decentrata. Con un ruolo significativo del verde e degli alberi, che diventano simboli luminosi di una necessaria transizione. Un’iniziativa ormai attesa con novità che arrivano ad arricchire la manifestazione con il settore dell’arte digitale come nel caso dell’installazione di piazza Santissima Annunziata dedicata al tema dei big data e dell’intelligenza artificiale: un progetto che dà la possibilità a tanti giovani graphic designers di esprimersi in una città come Firenze che vuole essere sempre più aperta alla creatività dei giovani e delle nuove arti”.

La mostra WONDERFUL! a Palazzo Vecchio e i percorsi a lume di torcia nei musei

In occasione di F-light 2021 la Sala d’Arme di Palazzo Vecchio ospiterà inoltre la mostra conclusiva di WONDERFUL! (8 dicembre 2021 – 12 gennaio 2022), il premio a sostegno dell’arte italiana under 40 organizzato dal Museo Novecento e promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze in collaborazione con MUS.E e realizzato grazie all’impegno di Publiacqua. Il premio WONDERFUL! è nato in risposta alla pandemia per dare un riconoscimento e un sostegno concreti alla nuova generazione di artisti italiani, duramente colpiti, insieme all’intero sistema artistico, dalla crisi sanitaria ed economica. Attraverso una selezione pubblica a cui hanno partecipato 290 artisti, una giuria tecnica ha scelto gli i giovani Binta Diaw, Riccardo Giacconi, Marco Giordano e Margherita Raso a cui è stata assegnata una borsa di studio della durata di un anno e le cui opere – installazioni e video – saranno presentate adesso in Sala d’Arme, arricchendo il programma di F-light.

Ancora, tornano i Percorsi a lume di torcia nei musei: anche per quest’anno piccoli e grandi potranno prendere parte a un programma di itinerari eccezionali, grazie a cui scoprire le bellezze dei Musei Civici Fiorentini secondo un approccio di particolare fascino e coinvolgimento.

Questo è il calendario:

– Santa Maria Novella: venerdì 17 dicembre e venerdì 7 gennaio h19 (per famiglie con bambini 8/12 anni) e h20.30 (per giovani e adulti)

– Palazzo Vecchio: sabato 18 dicembre e sabato 8 gennaio (per famiglie con bambini 8/12 anni) e h20.30 (per giovani e adulti)

– Museo Bardini: domenica 19 dicembre e domenica 9 gennaio h19 (per famiglie con bambini 8/12 anni) e h20.30 (per giovani e adulti)

Importante: ciascun partecipante deve essere munito di propria torcia personale. La prenotazione è obbligatoria: 055-2768224 info@musefirenze.it

Il costo è di €2,50 (residenti Città Metropolitana di Firenze) o di €5,00 (non residenti Città Metropolitana di Firenze) oltre al biglietto di ingresso dei diversi musei.

INFO:
F-Light | Firenze Light FestivalRiflessioni. Dove siamo, dove andremo

8 dicembre 2021 – 9 gennaio 2022Tutti i giorni dalle 17.30 alle 22

MUS.E  Tel. +39 055 2768224 – info@musefirenze.it
Tutto il programma su www.flightfirenze.it

Foto: Nicola Neri

Share.

About Author

Sono nata in un caldissimo agosto del 1991 a Firenze e mi sono innamorata dell’arte da bambina, guardando un poster di Mirò appeso nel mio salotto. Da allora non ho mai perso questa passione che mi ha portato a laurearmi in Arte Contemporanea prima e poi in Critica d’arte affascinata sempre di più dall’idea che l’arte sia un linguaggio tanto universale quanto soggettivo, capace più di ogni altro di raccontare il nostro tempo