10 spiagge da scoprire in Toscana

0

Firenze si sa, è bella ma d’estate ribolle! Non resta che fuggire dalla città appena si può e andare a godersi un tuffo al mare. Ecco allora 10 spiagge che forse non conoscete da scoprire in Toscana!

La Cacciarella

Una caletta dal mare cristallino in località Porto Santo Stefano con spiaggia rocciosa posizionata tra due scogliere da cui si vede la bellissima Grotta del Turco. La spiaggia è sovrastata da una torre che porta il nome di Scaciadiavoli ed è raggiungibile a piedi percorrendo un ripido sentiero di circa 500 metri, cosa che la rende un paradiso immerso nella natura e nel silenzio

fonte: www.tripadvisor.it

L’accesso è seminascosto, ma l’interno della grotta è molto ampio. Inoltre, gli amanti delle immersioni non dovrebbero perdere la statua del Cristo Redentore del peso di 250 kg e ad altezza naturale, che si trova ad una profondità di 15 metri sul fondale tra la Cacciarella e Cala Grande. La statua è segnalata da una targa affissa sugli scogli in superficie. 

Buca delle Fate

Nel golfo di Piombino e affacciata sull’arcipelago toscano si trova questa bellissima baia lambita da acque cristalline e circondata da ulivi, lecci, corbezzoli e mirti. È più facilmente accessibile via mare mentre raggiungerla via terra non è facile, ma chi ha voglia di camminare può percorrere il sentiero all’interno del percorso del Reciso.  

fonte: www.tripadvisor.it

Quando arrivate al piazzale sterrato del Reciso troverete tre sentieri, prendete quello a destra e una volta arrivati ad una staccionata in legno, non dovrete far altro che salire sull’apposita scaletta e cominciare a camminare fino ad un bosco fitto di lecci dove troverete alcune tombe a camera sotterranea di una necropoli etrusca di epoca ellenistica da cui probabilmente deriva il nome leggendario della baia. La parte finale  del sentiero si affaccia sulla magnifica costa dalle forme stravaganti disegnate sulla roccia dagli agenti atmosferici.

Punta Righini

Non è una spiaggia sabbiosa e se amate i confort degli stabilimenti e delle spiagge attrezzate forse non fa per voi, ma sulla parte più estesa del promontorio di Castiglioncello potete trovare questa bellissima scogliera.

fonte. www.castiglioncello.org/

Con le sue sembianze da paesaggio lunare, è caratterizzata dalla presenza di piccolissime ed invitanti calette dove tuffarsi. Ci arrivate unicamente a piedi ma ne varrà totalmente la pena!

Cala Martina

Cala Martina, meno conosciuta della famosa Cala Violina non ha niente da invidiarle con la sua sabbia fine e dorata e un mare dai colori meravigliosi. In questo angolo della Maremma è la natura a farla da padrona e non ci sono chioschi né strutture turistiche e regna una pace assoluta.

fonte: www.camminatorianonimi.com

Situata tra Follonica e Punta Ala, all’interno della Riserva Naturale delle bandite di Scarlino, a circa 2 km da Cala Violina, Cala Martina è raggiungibile solo a piedi o in bicicletta, attraverso un bel sentiero panoramico. A guardia della cala il monumento che ricorda l’eroe dei due mondi: Garibaldi infatti partì proprio da questa spiaggia nel 1849 per sfuggire ai soldati dello Stato Pontificio e così continuare il suo viaggio per l’unificazione d’Italia.  

Carbonifera

Facilmente raggiungibile sia in auto che in bici, questa spiaggia si trova a circa 5 chilometri da Follonica, nel Parco Costiero della Sterpaia. Una pineta secolare, una spiaggia di sabbia fine e dorata e il fondale basso e cristallino, la rendono perfetta anche per i bambini. Sono presenti sia stabilimenti che spiagge libere e nelle giornate più limpide offre una vista sorprendente dell’isola d’Elba e dell’isola di Montecristo.

fonte: www.agriturismoverde.com

Deve il suo nome all’antico casello idraulico, costruito nel 1870 per la bonifica della zona. Una torretta ottocentesca e il pontile sul mare vi faranno riconoscere questa incantevole spiaggia, che un tempo segnava il punto finale della ferrovia che percorreva le colline metallifere grossetane e portava il carbone delle miniere al mare. 

Cala del Bove

Sul versante occidentale del promontorio del Monte Argentario, qualche centinaio di metri più a sud di Cala del Gesso, si trova questa cala bagnata da un incantevole mare cristallino, ideale per gli amanti dello snorkeling. Pare che debba il suo nome alle foche monache che un tempo nuotavano nelle sue acque.

fonte: www.trovaspiagge.it

Se vi piace stare spanciati per delle ore al sole forse non fa per voi, ma ci si può comunque sdraiare sugli scogli levigati per godersi la pace di questa spiaggetta, una delle meno conosciute e affollate dell’Argentario. Si raggiunge facilmente via mare ma anche via terra, attraverso un sentiero di circa 700 metri. 

Cala Peducelli

Tra il Lido di Capoliveri e la spiaggia dell’Innamorata, c’è una linea di costa con blocchi di marmo rosa, massicci pietroni di arenarie scure e sedimenti color ocra. Ma la colorata e variegata scogliera e le straordinarie trasparenze marine, non sono gli unici spettacoli che potrete godervi in questa cala: se amate i tramonti sul mare, questo è il posto perfetto per voi!

fonte: www.infoelba.it

Da Cala Peducelli si gode di dorati tramonti oltre il massiccio del Monte Capanne, su un immenso raggio di mare aperto, oltre a Montecristo e Pianosa. Inoltre sopra la cala si snoda uno stretto sentiero a picco sul mare che in pochi minuti permette di raggiungere due minuscole insenature dove, se non sono già occupate , vi potrete godere un angolo di paradiso totalmente privato!

Spiaggia Buzzancone

Detta anche Cera, questa piccola spiaggia di ghiaia è incassata in una costa bassa e selvaggia ed è poco frequentata. È circondata da una valle verdeggiante e ombrosa e si raggiunge lasciando la macchina a Calanova, e proseguendo a piedi lungo la strada privata del villaggio turistico Costa dei Gabbiani per circa un quarto d’ora.

fonte: www.virtualelba.it

Sul fondale di fronte alla spiaggia, a poco più di trenta metri di profondità, è stato rinvenuto il relitto di una grossa oneraria romana, carica di anfore; si possono vedere alcuni dei suoi reperti al museo archeologico di Portoferraio.

Cala del Ceppo

Nell’incantata Isola di Capraia c’è questa cala che si incontra sulla costa orientale appena superata la punta della Civitata. È una bellissima insenatura, tra le più ampie dell’isola e ha un fondale quasi tutto di sabbia e l’acqua è di un azzurro chiaro perfetta per fare snorkeling.

fonte: www.visitcapraia.it

Si raggiunge sia via mare che a piedi con un sentiero di circa 4 chilometriche parte dal paese e che passa dalla zona della Piana: l’escursione è una vera e propria immersione nella natura della macchia mediterranea, con i suoi panorami incantevoli, fino a raggiungere un punto di balneazione di assoluta tranquillità.

Spiaggia delle cannelle

La spiaggia delle Cannelle si trova sulla costa orientale dell’Isola del Giglio e affaccia sullo splendido promontorio dell’Argentario. Si tratta di una lingua di sabbia bianca finissima con un mare cristallino poco profondo.

fonte: www.giglionews.it

Perfetta per le famiglie con bambini, grazie anche alla comodità dello stabilimento balneare, ma anche per gli amanti dello snorkeling che troveranno qui il proprio paradiso con le posidonie e banchi di piccoli pesci colorati. Per chi preferisce il silenzio e la tranquillità, passeggiando fra gli scogli si può raggiungere delle calette più riparate e meno affollate.

Share.

About Author

⚡ Free magazine e sito web sulla vita a Firenze ⚡ instagram: @ful_magazine