Andare a teatro in quarantena

0
1 di 4

Tra le tante cose di cui siamo costretti a privarci durante questa quarantena ci sono anche concerti, spettacoli e performance teatrali… o forse no! Nei giorni dell’emergenza sanitaria infatti, i palcoscenici fiorentini si sono riorganizzati e si sono trasferiti su YouTube (qui), su un canale appositamente creato, su impulso dell’assessore della Cultura del Comune di Firenze Tommaso Sacchi per portare #ilteatroacasatua

Fondazione Teatro della Toscana

La Fondazione Teatro della Toscana, che comprende il Teatro della Pergola, il Teatro Niccolini, il Teatro Studio Mila Pieralli di Scandicci e il teatro Era di Pontedera, si è impegnata a raccogliere, organizzare e pubblicare letture, musica, curiosità, approfondimenti e veri e propri spettacoli provenienti da tutte le fonti produttive dello spettacolo dal vivo del nostro territorio. Per farlo si è avvalso della neonata #FirenzeTV, un’iniziativa in collaborazione con Controradio, che si propone come un luogo aperto e condiviso a cui possono contribuire tutti i teatri fiorentini e gli artisti del territorio, anche a sostegno della campagna ministeriale e governativa #iorestoacasa. Sul canale YouTube , vengono condivisi video originali creati ad hoc da artisti come Stefano AccorsiPierfrancesco Favino, Gabriele Lavia, Marco D’Amore e Giulio Scarpati per fare solo qualche nome. 

Inoltre sui canali social della Fondazione, come ad esempio la pagina Facebook del Teatro della Pergola, vengono pubblicati contenuti a carattere storico, a cura del proprio Centro Studi, in vere e proprie mini-rubriche come #Pergolainpillole, con cui si raccontano piccole pillole della storia del teatro e #Leparoledelteatro che ci spiegano modi di dire e termini in uso nel linguaggio teatrale (vi siete mai chiesti perché prima di uno spettacolo si dica “merda, merda, merda!”? Andate sulla pagina FB della Pergola per scoprirlo!).

Anche I Nuovi-Giovane Teatro della Toscana e gli allievi della Scuola di formazione del mestiere dell’attore l’Oltrarno diretta da Favino, sono impegnati nell’iniziativa: i Nuovi quotidianamente alle 18 trasmettono letture in podcast su Spotify ( qui ), come “Il gioco degli incipit”, iniziativa con cui ognuno degli attori dà lettura delle prime pagine di un romanzo o di un’opera letteraria; tra le varie tracce/incipit disponibili, il pubblico di ascoltatori può esprimere, tramite i canali social, una preferenza, così da coinvolgere tutti. L’Oltrarno, dal canto suo, coinvolge tutti gli allievi, sia i diplomati che quelli attualmente al II anno, proponendo, oltre al repertorio affrontato a scuola, anche inediti contributi personali.

1 di 4
Share.

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00