Calo dell’inquinamento a Firenze grazie alla tramvia e il bike sharing

0

Dalla chiusura della Settimana Europea della Mobilità emerge la diminuzione dell’inquinamento pari al -20% nella città di Firenze. Questo è quanto viene fuori dagli ultimi dati estrapolati dai rapporti annuali sulla qualità dell’aria realizzati da Arpat, per cui risulterebbe un abbassamento del biossido di azoto (NO2) e Pm1 nell’agglomerato urbano. Secondo quanto riportato, il calo dell’inquinamento a Firenze sarebbe dovuto grazie agli interventi di mobilità sostenibile avviati negli ultimi 5 anni, come l’installazione della tramvia e l’uso del bike sharing.

Calo dell’inquinamento a Firenze: è dovuto anche al lockdown?

Questo probabilmente è anche uno dei motivi per cui nella provincia di Firenze non si siano creati focolai perché, come recenti studi affermano, il contagio di Coronavirus è più diffuso nelle zone maggiormente inquinate, dove il tasso di biossido di azoto è sopra la media. Per non parlare del fatto che, come afferma un articolo su Repubblica, durante il lockdown imposto dalla pandemia, l’abbassamento del tasso avrebbe portato un calo dell’inquinamento così tale da aver evitato 1500 morti in tutta Italia e 3000 in Europa.

Nello specifico, il biossido d’azoto NO2 sarebbe il marcatore dell’inquinamento atmosferico legato sia al traffico veicolare, sia ad altri processi di combustione (come gli impianti di riscaldamento). Secondo i dati raccolti dall’Agenzia europea dell’ambiente, in Italia si registrano 14.600 decessi prematuri l’anno a causa dell’inquinamento atmosferico da NO2, il dato peggiore in Europa.

Calo dell’inquinamento a Firenze: i nuovi interventi

I dati sul miglioramento dell’aria nell’agglomerato urbano Fiorentino non sono da sottovalutarsi. L’installazione della tramvia e dell’uso del bike sharing hanno certamente favorito al calo dell’inquinamento a Firenze, ma non devono essere le uniche cose a dover funzionare. Per questo c’è bisogno di un continua ricerca di innovazione nella ricerca di nuovi interventi sui quali il Comune sembra proiettarsi con nuove istallazioni urbane. Un esempio di questo è la riqualificazione di edifici abbandonati con materiali eco-green come l’ex fabbrica della Fiat di Novoli. Si parla anche di voler riqualificare vecchi quartieri dando vita a delle “Urban jungle” e di suoli comunali destinati totalmente alla costruzioni di giardini, viali alberati, orti botanici.

calo dell'inquinamento a Firenze

Come afferma l’assessore all’ Ambiente Cecilia Del Re: “I dati sul miglioramento della qualità dell’aria nell’agglomerato di Firenze incoraggiano le politiche intraprese in questi anni, nonché l’importanza di continuare a lavorare su questi temi. Dalle due linee di tramvia inaugurate lo scorso anno, a quelle da realizzare, dagli investimenti sul potenziamento e raccordo delle piste ciclabili, alle centinaia di colonnine elettriche di ricarica presenti in città, al car sharing, bike sharing, taxi elettrici e alla nuova flotta di bus ibridi ed elettrici: tutti interventi che si inseriscono in una visione di città sempre più incentrata sulla sostenibilità come leva per programmare le scelte. Una città che punta a ridurre le emissioni, incrementando al tempo stesso e in modo deciso la presenza di verde, con il piano del verde che sarà al centro dello sviluppo urbanistico della città nei prossimi anni”.

Share.

About Author

Miriam Belpanno

Carrie Bradshaw è il mio alter ego ma anche Bridget Jones. Composta di carne, ossa e 70% di caffeina. Sono appassionata di libri, arte, cinema, viaggi e sessualità. Intraprendo sempre strade diverse, cercando di occuparmi di qualsiasi cosa che mi è sottomano e che merita di essere raccontata, scritta, letta.

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00