God is Green, al via la terza edizione

0

Parte God Is Green, festival dedicato alla sostenibilità e al futuro realizzato e prodotto da NAM – Not A Museum, il programma d’arte contemporanea di Manifattura Tabacchi. SUPERCATASTROFE – Quali storie per la fine del mondo è il titolo di questa terza edizione curata da NERO, con la partecipazione di Medusa, Not, Parasite 2.0, Threes, Andreco, Clara Ciccioni, Federica Timeto e Miriam Tola.

Dal 9 al 18 ottobre 2020 Manifattura Tabacchi torna a sensibilizzare il pubblico con God is Green, proponendo all’interno dei suoi spazi un percorso articolato, tra video, suoni, testi e parole che riflettono sull’emergenza climatica e sull’impatto dell’uomo sulla Terra, per immaginare pratiche e strategie utili a «sopravvivere in un pianeta infetto» (secondo le parole della filosofa Donna Haraway). SUPERCATASTROFE punta infatti a raccogliere e a mettere a confronto tra loro alcuni dei più interessanti esponenti tra artisti, pensatori, attivisti e operatori culturali che anche nel nostro Paese hanno cominciato a riflettere in maniera originale sull’Antropocene, l’era geologica irrimediabilmente segnata dalla presenza dell’uomo.

Gig superctastrofe

Queste le premesse con le quali NERO – casa editrice che promuove, in diversi ambiti e formati, linguaggi, pratiche artistiche e pensiero speculativo – introduce l’idea e i concetti alla base del festival: 

«La pandemia del 2020 e le torride estati a cui ci ha abituato l’emergenza climatica sono sintomi di una catastrofe già in atto e contro la quale poco possono fare green economy e qualsivoglia riconversione “sostenibile”. È una catastrofe che obbliga il genere umano a porsi quesiti finora impensabili: siamo davvero sull’orlo dell’estinzione? Come è possibile sopravvivere in un pianeta esaurito dalla mano dell’uomo? Quali legami è possibile tessere nel pieno dell’apocalisse ambientale ma anche politica, economica e sociale di oggi?»

A sostegno di questo scenario, SUPERCATASTROFE assume la forma di una mostra “iperoggetto” – concetto con il quale il filosofo ed ecologista Timothy Morton descrive un particolare genere di “oggetti” che in parte sfuggono al controllo dell’uomo, dei quali possiamo solo intuire i confini, ma di cui non avremo forse mai una visione completa e chiara – e presenta all’interno degli spazi di Manifattura Tabacchi un archivio mediatico che invita a riconsiderare la relazione tra Uomo e Natura, coinvolgendo il pubblico in un ambiente immersivo. 

god is green manifattura firenze

«Un iperoggetto può essere un buco nero. Un iperoggetto può essere il centro petrolifero nell’area di Lago Agrio, in Ecuador, o la riserva di Everglades in Florida. Un iperoggetto può essere la biosfera o il sistema solare. Un iperoggetto può essere la somma complessiva di tutto il materiale nucleare presente sulla Terra.» Iperoggetti (NERO Editions, 2018)

L’allestimento stesso è parte della mostra. A curarlo, il collettivo di arte e architettura Parasite 2.0, che attraverso l’uso di scarti e rifiuti rielaborati e l’impiego di pigmenti fluorescenti mira a riflettere sul rapporto tra habitat naturale e intervento umano. All’interno del percorso espositivo di Parasite 2.0 trova spazio un’ampia selezione di video a cura di Medusa, la principale newsletter italiana sull’Antropocene, che ha scandagliato il web e gli archivi di YouTube per comporre uno straniante ritratto del pianeta al collasso. Ad accompagnare lo spettatore ci sarà anche un articolato sound collage che mette insieme le ricerche di Threes nel campo della sperimentazione musicale elettronica e della sostenibilità ambientale, mentre la selezione di libri e letture a cura di Notdiventa una piccola biblioteca ideale a uso e consumo del pubblico, che potrà liberamente consultare i volumi scelti per l’occasione. 

I temi di SUPERCATASTROFE verranno approfonditi a livello teorico durante due appuntamenti di dibattito con il pubblico: il 9 ottobre alle ore 19.30 si terrà un talk con le ricercatrici e studiose Clara Ciccioni, Federica Timeto e Miriam Tola, che collegheranno la nozione di Antropocene al pensiero di Donna Haraway, filosofa americana, tra le principali teoriche del nostro tempo; il 10 ottobre alle ore 18.00, la performance-lecture dell’artista e ingegnere ambientale Andreco, che ragionerà sulla relazione tra arte, scienza, ambiente e futuro nel pieno della crisi ambientale e pandemica.


Nel loro insieme, i protagonisti di SUPERCATASTROFE esploreranno le possibili “storie per la fine del mondo”, abbracciando la complessità e la frammentazione del nostro mondo contemporaneo, restituendo allo spettatore la possibilità di farne un’esperienza contingente, in modo libero e personale.

Agli appuntamenti del festival, si affianca l’esposizione dei manifesti d’artista realizzati appositamente in occasione di God Is Green da Ludovica Anversa, Ambra Castagnetti, Diana De Luca, Chiara Gambirasio, Nicola Ghirardelli, Max Mondini, gli artisti dell’edizione 2020-2021 delle Residenze d’Artista di Manifattura Tabacchi, L’armonia, a cura di Sergio Risaliti.

Gli appuntamenti di God is Green:


Gli appuntamenti del festival:

SUPERCATASTROFE. Quali storie per la fine del mondo

Aperta al pubblico dal 9 al 18 ottobre | 1° piano B9 e basement di Manifattura Tabacchi

Venerdì e sabato, dalle 19:00 alle 00:00 (ultimo ingresso 23:15)

Da lunedì a giovedì e domenica, dalle 19:00 alle 23:00 (ultimo ingresso 22:15)

Ingresso libero e contingentato

Chthulucene. Sopravvivere su un pianeta infetto.

9 ottobre ore 19:30 | Spazio Festa 
Lecture con Clara Ciccioni, Federica Timeto e Miriam Tola

Il talk collegherà la nozione di Antropocene al pensiero di una delle principali teoriche del nostro tempo, la filosofa americana Donna Haraway.

Su prenotazione: https://supercatastrofe-chthulucene-9-ottobre.eventbrite.it

In diretta streaming sulla pagina Facebook dell’evento: https://www.facebook.com/events/2390786357883574

Future Climate

10 ottobre ore 18:00 | Spazio Festa

Lecture/performance di Andreco 

La performance-lecture di Andreco ragionerà sulla relazione tra arte, scienza, ambiente e futuro nel pieno della crisi ambientale e pandemica. 

Su prenotazione: https://supercatastrofe-future-climate-10-ottobre.eventbrite.it

In diretta streaming sulla pagina Facebook dell’evento: www.facebook.com/events/2390786357883574

Esposizione dei manifesti d’artista

Aperta al pubblico dal 9 al 18 ottobre | Atelier delle Residenze d’Artista 

Alla presenza degli artisti venerdì 9 ottobre e sabato 10 ottobre, dalle 19:00 alle 21:00

Una tiratura limitata dei manifesti sarà a disposizione del pubblico.

Ingresso libero e contingentato 

Il programma e tutti gli appuntamenti di God is Green sono disponibili qui

Share.

About Author

firenzeurbanlifestyle.com

⚡ Free magazine e sito web sulla vita a Firenze ⚡instagram: @ful_magazine

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00