Lo stile inconfondibile del Four Season

0

L’hotel Four Seasons, collocato nel Palazzo Scala della Gherardesca e circondato dall’omonimo parco, si trova nel centro storico a Firenze in una location d’epoca, fatta su commissione di Bartolommeo Scala.

 

Edificato nella seconda metà del ‘400, come prototipo di “casini di delizie” cioè case di città simili a ville immerse nel verde e in seguito adeguata progettualmente alle esigenze del tempo, come per la realizzazione del monumentale ingresso al giardino, realizzato dall’architetto Giuseppe Poggi nel periodo di Firenze capitale.

Attualmente il Palazzo è stato convertito ad albergo di lusso che, su progetto di Roberto Magris e l’architetto Andrea Noferi hanno dato vita al Four Seasons Firenzefours season

Dall’entrata principale, quella su Borgo Pinti, una zona luminosa ci conduce al grande cortile quadrato, coperto da un lucernario Ottocentesco, opera di Piero Sanpaolesi, questa zona si può considerare lo snodo di tutto il complesso.

Arcate a tutto sesto scandiscono lo spazio, dove pareti arricchite nei secoli da straordinarie decorazioni come putti sugli archi, grottesche e bassorilievi, impreziosiscono l’ambiente. Il loggiato che vi corre attorno ha una copertura a volta a botte con una stupefacente decorazione a lacunari policromi, ispirata alle antiche domus romane. Proseguendo, lasciando la corte, si arriva all’interno del giardino privato, il più grande della città, un giardino all’inglese con vialetti, alberi piantati senza schema, tepidarium e un tempietto, con testimonianze della partitura geometrica all’italiana che aveva in origine.

fours season

L’atmosfera del Four Seasons, dalla quale veniamo accolti, è di altri tempi, elegante ma allo stesso tempo di carattere, in tutti gli ambienti troviamo nuance diverse con un filo conduttore negli arredi dallo stile classico e di ottima fattura. Uno dei posti più caratteristici e simbolo della Firenze storica di questa struttura è senza dubbio la corte interna, adibita a zona lounge per gli ospiti, dove una statua centrale padroneggia l’ambiente, circondata da divanetti in legno scuro e tessuto verde, impreziosita da grandi fiori colorati inseriti all’interno di preziosi vasi di terracotta, tutta questa area è sui toni del verde, marrone e tocchi di rosa. Stilisticamente diverso da questa zona è l’atrium bar, un ambiente dal sapore vagamente inglese, che ricorda i salotti degli intellettuali, composto da un bar totalmente rivestito in legno, luci soffuse, zone di conversazione, pattern floreali, sui toni del marrone –beige, il punto focale della stanza è il lucernario che copre l’intera superficie da dove cala il grosso lampadario in ferro battuto.

Sempre al piano terreno, si trova lo stellato ristorante Palagio, un ambiente dalla vaga atmosfera francese, elegantemente arredato sui toni del bianco, grigio e glicine. Dagli imponenti soffitti a volta si ammirano i grandi lampadari in cristallo e dalle porte finestre si accede al famoso giardino della Gherardesca, una vera e propria oasi cittadina, composta da un prato all’inglese, una grande varietà di piante e fiori, il tutto valorizzato da una grande zona piscina in stile neoclassico, attrezzata per il comfort dei clienti. Adiacente troviamo la limonaia nel medesimo stile oggi convertita a beauty farm dell’hotel.

Sia al piano terreno che a quelli superiori troviamo le camere e le suite, tutte in stile classico, specchio del lusso, adornate con soffitti a cassettoni e affreschi, arredi in legno d’epoca, tendaggi molto importanti, materiali preziosi come il marmo e il cristallo presente nei lampadari, in nuance diverse tra loro sempre su toni tenui come il glicine, verde salvia, giallo e azzurro, per regalare un soggiorno da sogno agli ospiti.

Il Four Seasons è sicuramente un posto magico, con le sue atmosfere ricreate ad arte grazie all’arredamento e alle decorazioni, la cura del dettaglio e la volontà costante di stupire nell’allestimento lo rende un posto unico e sognante. Un arredamento dalle linee semplici ma finemente decorato, accostato a una sapiente illuminazione che riesce a mettere in risalto la vera protagonista dell’hotel, la struttura.

Articolo a cura di Valentina Malevolti e Martina Mustur

Share.