Negroni: una passione che dura da cent’anni

0

Durante la Cocktail Week un nuovo tour a cura della nostra redazione per scoprire le origini di uno dei drink più famosi al mondo

L’aperitivo è qualcosa di piacevole da sorseggiare prima dei pasti, è “qualcosa che apre” avrebbe detto il medico Ippocrate nel V secolo che inventò una bevanda a base di vino bianco per i disturbi dell’inappetenza. È un pretesto per incontrare un amico e godersi quel piccolo spazio di tempo che inizia dopo una giornata di lavoro e termina poco prima di cena: che sia d’estate o d’inverno, l’ora dell’aperitivo è un’istituzione a cui è impossibile rinunciare.

Le origini del Negroni

Erano gli anni dei caffè letterari, dei ritrovi degli artisti e dei letterati, dei giovani che iniziavano le loro avventure con il Grand Tour viaggiando per l’Europa: tutto questo fervore intellettuale non poteva fare a meno di sedersi a un tavolino e gustare un aperitivo tra una discussione e l’altra.
Da poco Firenze aveva cessato di essere la capitale d’Italia e la città era stata completamente trasformata dal punto di vista urbanistico; con il suo fascino antico e la sua innegabile verve culturale, continuava a essere la patria di artisti e la meta preferita dei giovani rampolli dell’aristocrazia europea che trovavano nella città ospitalità e divertimento. I caffè letterari fiorentini costellavano le vie e le piazze del centro, affollati di intellettuali, artisti e scrittori ma anche di stranieri e di aristocratici che uscivano dai loro salotti ormai fuori moda.

negroni

Ovviamente Firenze doveva dare il suo contributo alla moda dell’aperitivo e nel 1919 il conte Cammillo Negroni, che frequentava il caffè Casoni (il noto caffè Giacosa), chiese al suo barman Fosco Scarselli di aggiungere un po’ di gin all’aperitivo che si consumava di solito ovvero una sorta di “Americano”, composto da bitter campari, vermouth rosso e seltz.

Nacque così il Negroni (clicca qui per entrare nel dettaglio della storia ) che oggi compie cent’anni e viene festeggiato durante la Florence Cocktail Week, la settimana della miscelazione giunta al suo quarto anno, manifestazione di interesse mondiale che prevede incontri, masterclass, party nei cocktail bar più esclusivi di Firenze con i bartender più bravi d’Italia, pensati per professionisti e i cocktail lovers dal 6 al 12 maggio 2019.

Un urban tour alla scoperta del Negroni

La redazione di FUL amante dei cocktail e abituata a passeggiare tra i caffè letterari, non poteva perdere l’occasione di partecipare e di collaborare a questo evento, proponendo una guida a cura di Daniela Carboni per i caffè storici letterari di Firenze mercoledì 8 maggio. Questo urban tour prevede una passeggiata per le vie del centro fiorentino nei luoghi e nei caffè che hanno visto la nascita del Negroni e termina al Caffè Gilli con un racconto di Luca Picchi bartender e autore del libro “Negroni Cocktail, una leggenda italiana” che preparerà un assaggio del Negroni segundo l’antica ricetta di gin, campari, vermouth rosso e una scorza di fiorentinità.
Per partecipare al tour di mercoledì 8 maggio alle ore 17:30, che abbiamo realizzato in collaborazione con Florence Cocktail Week e Destination Florence, cliccate qui

Articolo a cura di Valeria Cobianchi

Share.