Affidarsi al digitale per superare la crisi. La storia degli Ortigiani tra tradizione e innovazione

0

Gli Ortigiani è una bottega fiorentina a conduzione familiare attiva da più di 60 anni, che ha deciso di accogliere il cambiamento e affrontare in modo innovativo la crisi. 

Quando abbiamo saputo della loro storia, ci siamo interessati subito proprio perché è un esempio che tutti possono seguire. Abbiamo così deciso di parlare con Andrea, figlio della proprietaria che ha aiutato il negozio a entrare nel mondo digitale, grazie al quale è riuscito a reinventare il modo di stare vicino al cliente

Andrea, descrivici in poche parole cosa è Gli Ortigiani?

Gli Ortigiani è una bottega fiorentina a conduzione familiare che da più di 60 anni garantisce ai propri clienti materie prime e qualità ottima. Da noi puoi trovare frutta e verdura di stagione, pasta, formaggi, ma anche piatti pronti fatti interamente da mia madre, vere ricette casalinghe con ingredienti freschi e genuini, come fatti in casa. Fin dagli anni ’50 l’obiettivo è sempre stato quello di rendere felice il cliente, creando intorno al negozio una piccola comunità di affezionati

ortigiani firenze

Ma partiamo dall’inizio: come è stato l’impatto con l’emergenza
Covid-19? 

Il periodo di crisi che stiamo attraversando è un duro colpo per tutte le attività, soprattutto per quelle piccole o a conduzione familiare, che si trovano a fronteggiare un calo improvviso dei guadagni o addirittura la chiusura forzata. 
Come negozio che vende beni di prima necessità abbiamo avuto la fortuna di poter continuare ad esercitare, anche se la preoccupazione e il livello di stress che ne consegue sono molto alti.
Inizialmente la situazione che si era creata a seguito delle misure del Governo era molto difficile da sostenere: la gravità del problema era percepita ancora poco, e tanti si presentavano in negozio senza pensare a rispettare le misure di sicurezza. Le prime precauzioni che abbiamo preso sono state quelle di far rispettare la distanza di sicurezza, prima con dei nastri posizionati sul pavimento, poi addirittura mettendo un banco fuori dal negozio, per muoverci in sicurezza e evitare il sovraffollamento

Questo è stato il motivo per cui hai voluto provare a cambiare qualcosa. Raccontaci, come vi siete organizzati e che importanza ha avuto il digitale nel vostro caso?

La volontà di assicurare un servizio ai nostri clienti anche durante l’emergenza Covid-19 ci ha spinto verso una rivoluzione: la consegna a domicilio, un metodo che tutela allo stesso tempo noi e i clienti stessi, riducendo di molto il rischio di esposizione.  Grazie a una campagna di advertising volta a pubblicizzare la nostra iniziativa di consegna a domicilio, abbiamo avuto la possibilità di raggiungere circa 700 persone che altrimenti non avremmo potuto raggiungere. In due settimane, abbiamo risposto a oltre 600 chiamate e abbiamo consegnato circa 500 ordini. Per Gli Ortigiani è senz’altro un record, che ci rende orgogliosi anche perché possiamo aiutare le persone in difficoltà, come anziani o persone che hanno problemi a muoversi. Oltre alla pubblicità, abbiamo sfruttato anche l’attività di feedback, con la quale raccogliamo informazioni su come possiamo migliorarci e su cosa invece dobbiamo puntare maggiormente. Per raggiungere tutta Firenze abbiamo assunto una persona, che con un’auto elettrica riesce a coprire tutto il comune, rispettando dunque anche l’ambiente.  Adesso tocca a noi, abbiamo la possibilità di aiutare anche le persone che in questo periodo hanno paura dei luoghi affollati come i supermercati e preferiscono affidarsi a noi. Il nostro desiderio adesso è far sì che questi clienti abituali diventino affezionati.

L’utilizzo dei social quindi è stato fondamentale nel vostro caso. Da dove ti è arrivata l’idea?

Non era la prima volta che utilizzavo il web come mezzo di pubblicità. Nel 2016 abbiamo fatto un’operazione di Rebranding del negozio, partendo proprio dal nome: Gli Ortigiani nasce dalla fusione della parola Artigiani e la parola Orto, per trasmettere l’idea di un luogo dove trovare tutti i giorni primizie gastronomiche preparate con ingredienti freschi e materie prime di stagione.  Con le prime campagne pubblicitarie sui social, i risultati sono subito stati lampanti. Il gap tra il negozio ed il cliente si è ristretto in modo evidente grazie alla comunicazione digitale, che ha reso più visibile il negozio a chi ancora non ne era a conoscenza e ha coinvolto maggiormente i clienti. L’obbiettivo delle campagne social è appunto quello di portare gli utenti a fidelizzarsi, così da ampliare il proprio raggio di azione e espandere la conoscenza del marchio.

ortigiani firenze

Riflettendo sui risultati che hai ottenuto, che consiglio daresti a chi come te ha un’attività familiare?

“L’importanza del digitale in questi giorni è fondamentale non soltanto per le grandi aziende, ma soprattutto per le piccole imprese, per i negozi come Gli Ortigiani che sono gestiti da famiglie e che hanno a cuore la propria originalità e la vogliono salvaguardare. Dobbiamo vedere i social come un’opportunità di crescere, da sfruttare al meglio. Mai come adesso, in questa crisi da Covid-19, è il momento di credere nella digitalizzazione anche per chi non ha mai investito nella comunicazione online. Una forte presenza sul web, che coinvolge i propri clienti, è sempre più importante al fine di non rendere vano tutto il sacrificio che le piccole aziende fanno tutti i giorni.” 

La storia degli Ortigiani è l’esempio perfetto di come sfruttare il digitale voglia dire aprire le porte a nuove possibilità e di conseguenza far crescere la propria clientela e la propria community per trarre vantaggio anche dai periodi di crisi come quello che stiamo attraversando oggi.

Share.

About Author

firenzeurbanlifestyle.com

⚡ Free magazine e sito web sulla vita a Firenze ⚡instagram: @ful_magazine

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00