#UffiziDecameron, l’arte al tempo del Coronavirus

0

Un’opera al giorno, tutti i giorni, raccontata sui social da chi lavora nei musei fiorentini… Parte così la campagna degli Uffizi fatta di “cantastorie” moderni che sveleranno quotidianamente opere e personaggi attraverso foto, video e storie su Instagram, Twitter, Facebook e Youtube.

Instagram – Galleria degli Uffizi

Dieci giovani sfuggono al contagio della peste nera, rifugiandosi in una villa sopra Firenze: contro la noia dettata da una forzata “quarantena” decidono di raccontarsi una novella al giorno ciascuno, ogni giorno con un tema diverso. Sì, parliamo del Decameron di Giovanni Boccaccio e sì, da oggi potrete vedere circolare sui social l’hashtag #UffiziDecamoron.

Prendendo spunto dalla celebre opera trecentesca, gli Uffizi ci terranno compagnia su Instagram, Twitter, Facebook e Youtube per fronteggiare la chiusura dei musei dovuta al Coronavirus.

Ogni giorno, sui canali ufficiali della Galleria degli Uffizi, saranno pubblicate foto, video e storie dedicate alle opere d’arte custodite nella Galleria delle Statue e delle Pitture, a Palazzo Pitti e nel Giardino di Boboli; ogni giorno scopriremo storie e personaggi, dipinti e sculture, raccontati direttamente da chi lavora nei musei:

“Gli Uffizi saranno con voi, nelle vostre case, per superare tutti insieme l’attuale momento di difficoltà. Evitiamo ogni contagio, tranne quello della bellezza”, commenta il direttore Eike Schmidt.

Eike Schmidt – Direttore della Galleria degli Uffizi di Firenze

Nonostante la giusta campagna di prevenzione del Ministero dei Beni Culturali e del Turismo #iorestoacasa, avremo modo di viaggiare con la fantasia e di entrare nelle bellezze artistiche legate a Firenze e non solo… 

Gli angoli di bellezza possono trovarsi ovunque, possono nascere in qualsiasi momento e anche in periodi così complicati e avversi. Lo diceva anche De André che “dal letame nascono i fior”… bene, non ci resta che prendere ogni aspetto di positività che questi giorni così grigi e vuoti possono offrirci; lasciamoci allietare qualche minuto da questi “cantastorie” moderni che, dopo il Decameron, così come nell’Iliade e nell’Odissea, intrattengono ascoltatori con racconti di rara bellezza.

Share.

About Author

Avatar

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00