Al Teatro di Rifredi torna “La meccanica dell’amore”

0

Torna in scena il grande successo della coppia Gaia Nanni – Alessandro Riccio.

Dal 26 dicembre alla sera di Capodanno al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II 303) torna un duo d’eccezioneAlessandro Riccio e Gaia Nanni, affiatata coppia d’assi della comicità toscana, saranno in scena con “La meccanica dell’amore”: trasformismi e colpi di scena si alterneranno in questo spettacolo cult del loro repertorio, una commedia irresistibile tra tecnologia e solitudine, poesia e meccanica (domenica ore 16.30, feriali ore 21.00, venerdì 31 ore 21.45)

Orlando (Alessandro Riccio) è un anziano signore un po’ schivo, costretto dagli assistenti sociali a prendere in casa una donna robot per le faccende domestiche, pena il trasferimento in ospizio. Messo alle strette si troverà ad affrontare una serie di esilaranti problematiche con quella che si rivelerà una colf (Gaia Nanni) tutt’altro che ordinaria. 

Un duetto pieno di piccole sfumature e naturalmente gag a non finire. Uno spettacolo intenso dove due mondi diversi e lontanissimi si incontrano e si scontrano: la testardaggine dell’anzianità e la mancanza di elasticità di un robot. La vecchiaia è il tema portante de “La meccanica dell’amore”, articolato in tre profonde questioni: l’accumulo degli oggetti che non usiamo più, gli anziani da rottamare, le badanti ad accompagnarci nel fine vita.

Orlando è scorbutico, burbero e antipatico per timore dell’altro, che per (auto)emarginazione di fronte ai tempi che cambiano vorticosamente, trova la salvezza nell’unica estrema difesa possibile: barricarsi in casa attorniato dalle cose di una vita, dove tutto ha un’anima, un respiro, un ricordo, anche se offuscato e ormai annebbiato. Con l’accumulo combatte la paura di morire, l’ammassare lo rende meno solo, più utili, con un posto nel mondo, padrone di qualcosa di cui può disporre.

Ma Orlando, sempre furioso, deve essere aiutato a fare piazza pulita dei suoi ricordi, delle sue innumerevoli scatole di ciarpame e cose vecchie ed ormai inutili, altrimenti è già pronto per lui un posto alla Casa di Riposo. Al posto di una badante arriva in soccorso un robot, e qui comincia lo spettacolo nello spettacolo. Nella cornice degli infiniti oggetti accumulati, come se si fosse dentro il reality “Sepolti in casa”, la domestica di latta (una Gaia Nanni che ironizza su gestualità, mimica scattosa e linguaggio stoppato e metallico, appunto) ingaggia un duello generazionale, dialettico e sintattico con l’attempato ma arzillo signore spigoloso. 

“La meccanica dell’amore” è un piccolo spaccato in cui si cela un dramma immenso – l’abbandono e il tempo che passa – e nel quale si alternano delicatezza e comicità, risate e commozione, fino a un finale del tutto inatteso.

“Mi sono ispirato al film di Alberto Sordi ‘Io e Caterina’ degli anni ’80 –  spiega Alessandro Riccio – lo spettacolo non è solo comico ma racconta anche le costrizioni che la società impone sui nostri modi di vivere. La donna robot, programmata per fare le pulizie, vive inconsapevolmente una privazione di libertà; facendo da specchio alla vita di Orlando gli permetterà di riscattarsi in un finale che lascerà tutti stupiti”.

“Riccio ha scritto un testo diverso dai suoi spettacoli comici, dove emerge in maniera forte il lato sentimentale. Anche se lavorare alla caratterizzazione così forte di un personaggio è una bella sfida per me, resta il fatto che una delle cose più difficili – scherza Gaia Nanni – sarà non ridere al fianco di Alessandro”.

“La meccanica dell’amore” è una produzione Tedavi ’98, testo e regia Alessandro Riccio, scene Lorenzo Girolami e costumi Daniela Ortolani.

PER INFORMAZIONI

Teatro di Rifredi via Vittorio Emanuele II, 303 – 50134 Firenze tel. 055/422.03.61 www.toscanateatro.it

Prenotazioni: biglietteria@toscanateatro.it  

Misure anti-Covid 19

Per l’accesso in teatro verranno applicate le procedure di mascherina obbligatoria e Green Pass Rafforzato.

Share.

About Author

⚡ magazine cartaceo e web sulla vita a Firenze ⚡ instagram: @ful_magazine