Cieli Neri di Alice Visentin al TOAST Project Space di Manifattura Tabacchi

0

Da mercoledì 24 marzo sarà visitabile a TOAST Project Space l’installazione Cieli Neri di Alice Visentin, accessibile e visitabile dal pubblico dal Cortile della Ciminiera.

Continua la programmazione di TOAST Project Space, lo spazio indipendente e aperto al confronto e alla sperimentazione delle pratiche artistiche contemporanee; fondato nel 2019 dall’artista Stefano Giuri nell’ex casotto della portineria di Manifattura Tabacchi, lo spazio prevede mostre bimestrali, dove gli artisti sono invitati a produrre un progetto “site specific”.


Abbonamento FUL magazine

abbonamento FUL
Clicca qui per abbonarti subito e ricevere tutte le copie di FUL a casa tua

Stavolta ad essere esposta è l’opera che l’artista Alice Visentin ha realizzato nel corso di una residenza presso Toast e si tratta di un’installazione che comprende disegni su larga scala, dipinti ad acquerello e pastelli a cera. Alice Visentin, classe 1993, è un’artista che riflette sulla forza delle comunità: i riferimenti visivi presenti nelle sue opere quali cappelli, bastoni da passeggio e abiti lunghi sono tratti dalla cultura e dalla terra delle comunità montane delle sue origini nei pressi di Torino. Questa esplorazione del proprio background culturale ha dato all’artista la possibilità di comprendere come la conoscenza venga prodotta attraverso rituali e storie orali e come questi processi conferiscano nuovi significati a oggetti e incontri. Per quest’occasione l’artista ha creato composizioni intricate che si sviluppano lungo due rotoli di carta da 1.3 x 12 metri ciascuno, restituendo una struttura intercambiabile e modulare. In questo “piccolo mondo intero” l’acqua e i pigmenti colorati si fondono all’interno di forme in cui compaiono personaggi stilizzati, ori e piante ma anche piccole frasi o parole, quasi a voler attribuire alla carta il potere di darci dei consigli.

Cieli Neri è la sintesi pittorica degli interessi di Alice nei confronti della varietà del cosmo, dagli avvenimenti quotidiani alla trasmissione orale di racconti, canti e storie. L’immaginario pittorico dell’artista si sviluppa a partire dalla cultura vernacolare delle comunità rurali e per quest’opera si mescola con riferimenti vissuti durante il suo soggiorno fiorentino.

Nelle forme dei volti, nei colori e nelle scritte esistono infinite storie e influenze: l’orto botanico di Firenze chiuso, ma raccontato da un passante; l’uso del colore mescolato con acqua che imita lo scorrere del fiume Arno; le architetture decorate che ipotizzano il contenuto di palazzi impenetrabili. Tutte queste storie si fondono con la velocità dell’attimo, come se fossero un manifesto da tramandare di generazione in generazione.

Cieli Neri di Alice Visentin – Toast Project Space, Manifattura Tabacchi (Via delle Cascine 33, Firenze)

Dal 24 marzo 2021    
Dal lunedì alla domenica / 8:30-18:30 / ingresso libero

Share.

About Author

Lucrezia Caliani

Sono nata in un caldissimo agosto del 1991 a Firenze e mi sono innamorata dell’arte da bambina, guardando un poster di Mirò appeso nel mio salotto. Da allora non ho mai perso questa passione che mi ha portato a laurearmi in Arte Contemporanea prima e poi in Critica d’arte affascinata sempre di più dall’idea che l’arte sia un linguaggio tanto universale quanto soggettivo, capace più di ogni altro di raccontare il nostro tempo