Cosa fare a Firenze in un giorno: miniguida alla città

0

Fatevi guidare da chi questa città la conosce bene e la vive sempre. Non sarà possibile fare tutto nell’arco di sole 24 ore, perciò a voi l’ardua scelta di cosa vedere oggi e di cosa rimandare alla prossima volta.

I MUST

Firenze è una delle città d’arte più belle per antonomasia, ma anche quella in cui le code non mancano mai. Se volete visitare Santa Maria del Fiore con il Campanile di Giotto, il Battistero e il Museo dell’Opera del Duomo, gli Uffizi o la Galleria dell’Accademia vi conviene prenotare sui rispettivi siti, a meno che non sia un giorno infrasettimanale e in quel caso avete qualche chance di non passare in coda un bel po’ di tempo.
Per entrare a Palazzo Vecchio, invece, non ci sono di questi problemi. Da oltre sette secoli Palazzo della Signoria è il simbolo del potere civile della città. È possibile visitare le sue magnifiche sale (come non citare il Salone dei Cinquecento), la Torre con il camminamento di ronda e gli scavi del Teatro romano proprio sotto l’edificio.

Una volta usciti da qui trovate davanti a voi il Gucci Garden. In questo nuovo spazio la filosofia della Maison rende omaggio all’archivio Gucci con storiche campagne pubblicitarie e vestiti iconici. Interpreta il mondo della casa di moda guidata oggi da Alessandro Michele passando dagli spazi museali, al ristorante Gucci Osteria da Massimo Bottura fino alla boutique con pezzi unici.

Per saperne di più, leggete cosa abbiamo scritto qui

A questo punto la passeggiata vira verso Piazza della Repubblica dove è cosa buona e giusta concedersi un attimo di puro piacere nei caffè storici di Gilli o Paszkowski con un tè e qualche pasticcino. Ricaricate le batterie e continuate verso Palazzo Strozzi, se vi piace la mostra entrate altrimenti proseguite per la scintillante Via de’ Tornabuoni fino a Piazza Santa Trinita dove uno accanto all’altro trovate la Basilica di Santa Trinita, il Museo Ferragamo e la Collezione Casamonti. Ce n’è per tutti i gusti: per chi ama la storia antica il consiglio è quello di vedere la chiesa che al suo interno contiene tesori realizzati da Paolo Uccello e Gentile da Fabriano, chi predilige il mondo della moda può scendere nel Museo Ferragamo proprio sotto la boutique e chi, invece, vuole continuare il suo viaggio nella storia dell’arte ha l’obbligo di visitare la Collezione Casamonti, uno degli spazi museali più intriganti di Firenze, di cui vi abbiamo parlato in maniera approfondita qui

cosa fare a Firenze
Superata Piazza Santa Trinita, ci siete. Finalmente siete di fronte ad uno dei simboli di Firenze:
Ponte Vecchio. ( sai che il Ponte Vecchio ha rischiato di essere abbattuto? scopri come e quando qui )

La vista da questo punto è di sicuro la più bella. Provare per credere. Ora attraversate e siete nella zona dell’Oltrarno. Qua trovate una Firenze vera e praticamente intatta: Santo Spirito. Entrate nella chiesa capolavoro di Brunelleschi e poi fermatevi nella piazza per un bicchiere di vino.
A questo punto è quasi il tramonto e quale può mai essere luogo migliore per vederlo?

La risposta è Piazzale Michelangelo. Mentre salite passate per il Giardino delle rose e prima di scendere allungate fino a San Miniato. Il Giardino delle rose è veramente un posto incantato in cui sono disseminate le sculture dell’artista belga Jean-Michel Folon e la vista ripaga tutta la fatica fatta per arrivarci. San Miniato, invece, è la basilica in cui trovate il vero romanico fiorentino, un capolavoro dal classicismo solido e geometrico in cui entrando si viene travolti dalla Sindrome di Stendhal.

FAME?

A San Lorenzo c’è il Mercato Centrale, un progetto in cui convivono tante realtà diverse. Potete assaggiare di tutto: la migliore chianina della città, lampredotto ma anche sushi e pizza. Le botteghe, in versione 2.0, offrono prodotti locali e non solo, infatti, qui potete viaggiare ovunque assaggiando cannoli siciliani, mozzarella di bufala o pesce fresco.

Maggiori info: qui

Un altro must fiorentino è la schiacciata. E dove se non All’Antico Vinaio? Fila e code rendono bene l’idea di cosa significa mangiare qui. Buona da chiudere gli occhi se ci si ripensa. Evitate assolutamente le ore di punta, risparmierete minuti preziosi nel vostro unico giorno a Firenze.
Se siete in centro qua vi abbiamo messoi 5 locali ristoranti da non perdere vicino al duomo
cosa fare a Firenze

Chi invece vuole un pranzo light e zero confusione, sempre nella zona di San Lorenzo in Via Panicale 11, trova il De Plek. Un mix effervescente di gusti in un locale easy-going. Piatti della tradizione e qualche twist con la cucina internazionale di cui vi abbiamo parlato proprio qui

Vi abbiamo fatto venire voglia di fermarvi qualche giorno in più? 

Continuate a seguire il nostro magazine troverete sicuramente consigli su attività interessanti da fare in questa bellissima città.

– Federica Gerini
Ph di cover Giorgio Magini

Share.