Ricette fiorentine: peposo dell’Impruneta

0
1 di 2

Su FUL le ricette fiorentine dei Mollica’s, truck food giramondo che difende i valori della tradizione gastronomica toscana

Decalogo del peposo dell’Impruneta

1- Evitiamo di chiedere se c’è parecchio pepe, i’ nome un vi dice abbastanza?
2- Ci vogliono almeno 3 ore per cocello, quindi ci si guarda serie tivvú a nastro per passare i’ tempo.
3- unn’è pronto finché un si taglia con i’ mestolo, altro che stracotti americani, qui c’è storia.
4- La ricetta l’è anti vampiro, un monte d’aglio, pepe e vino rosso.
5- L’è fondamentale usare tagli come i’ muscolo di manzo, che abbiano nervature grasse e callosità…con le cotture lunghe ci danno il paradiso.
6- In tanti un sanno ancora icchè l’è, c’è da sapere che risale all’inizio del 1400, che sarà arrivata l’ora d’assaggiallo, che dite?
7- Nella ricetta originaria i’ pomodoro un c’è, l’America un s’era ancora scoperta.
8- S’accompagna con i fagioli ai’ fiasco e filo di pane per la scarpetta, un vorrete mica lasciare i’ sughino, vigliacchi.
9- I’ rosso del Chianti l’è i’ compagno inseparabile, sia in cottura che in tavola ní bicchiere.
10- Rendiamo lode ai’ Brunelleschi che si narra abbia contribuito alla scoperta di cotanta meraviglia.
L’è un piatto che narra di Firenze, della sua Cupola e dell’Impruneta, ovviamente, dove alla bocca dei forni si lasciava cuocere questa carne, poi nutrimento per gli operai.

1 di 2
Share.

About Author

firenzeurbanlifestyle.com

⚡ Free magazine e sito web sulla vita a Firenze ⚡instagram: @ful_magazine

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00