Spazio CO-STANZA: il coworking con lo spazio per i figli

0

Il mondo del lavoro continua a cambiare: oltre a richiedere spazi accessibili per i sempre più numerosi lavoratori autonomi e freelance, finalmente si inizia a riconoscere l’importanza di un sostegno a chi, oltre che lavoratore, è anche genitore. Specialmente se da poco e con un’attività in proprio.

A questa esigenza risponde da due anni Co-Stanza, mettendo a disposizione i propri spazi in via del Ponte alle Mosse 32-28r: scrivanie e computer per i grandi e tante attività per i più piccoli. Cosicché mamma e papà possano lavorare in tutta tranquillità con il proprio bambino nella stanza vicina, seguito da professionisti dell’educazione e coinvolto in diverse attività con altri bambini.

Non è un semplice “parcheggio” per i bimbi, ma un luogo all’insegna della creatività, della libertà e della sperimentazione, dove si scopre e si impara insieme. Un luogo in cui bambini e adulti condividono spazio e tempo, in un dialogo continuo tra generazioni e culture diverse.

L’idea nasce da Maria Petrucci, Anna Andretta e Michela della Porta, tre amiche con alle spalle esperienze diverse maturate nel sociale, che fondano l’associazione Co-Cò.

Si sviluppa poi col tempo un’equipe multidisciplinare composta di psicologi, logopedista, neuropsicomotricista infantile, tutor BES e DSA, pedagogista, dietista, counselor dell’orientamento, avvocato della famiglia: una squadra di professionisti che ogni giorno offre un sostegno concreto – declinato in varie forme – ai genitori nella gestione quotidiana dei figli.


Co-stanza è uno spazio polifunzionale a tutti gli effetti: centri vacanza (per natale, pasqua, estate e in tutte le occasioni in cui la scuola è chiusa), laboratori creativi, corsi di lingua, attività sportive, ripetizioni, il tutto affiancato da spazi di ascolto e condivisione con professionisti specializzati. Si basa su un’idea di co-working prevalentemente al femminile – ma per niente esclusivo, anzi i papà sono i benvenuti! – intorno al quale si propongono diversi servizi di sostegno alla genitorialità, specialmente nel primo anno di età del bambino. Spesso una donna si trova di fronte a un bivio: crescere suo figlio o proseguire la carriera. Questa logica viene qui ribaltata, permettendo alle giovani mamme di unire le due strade e non trovarsi a compiere la fatidica scelta.

Co-Stanza offre infatti un’area baby, un’area tecnica per consulenze professionali, uno spazio per l’allattamento e il relax, un’area eventi per occasioni allargate e un’area polivalente per necessità diverse, oltre a uno spazio cucina e un cortiletto sul retro.

“Vorremmo proporre una nuova cultura di solidarietà, scambio linguistico, culturale e materiale, condivisione di idee, avvio partecipato di progetti. Non solo co-working con area bambini, ma anche corsi di formazione e laboratori, sostegno alla genitorialità, promozione culturale attraverso cineforum, incontri e aperitivi tematici ed altri eventi dedicati alle famiglie. Oltre a progetti di innovazione sociale”.

Uno degli sviluppi più recenti è il dialogo con le aziende per l’offerta di servizi di welfare aziendale: i dipendenti-genitori non dovranno così pensare a chi lasciare il bambino durante l’orario lavorativo. I bimbi saranno infatti impegnati in mille attività nello spazio dell’associazione e non all’interno dell’azienda, in una modalità un po’ diversa da quella tipica dei paesi del nord Europa, evitando in questo modo un possibile fenomeno di “ghettizzazione” e favorendo invece l’apertura e la condivisione tra contesti di provenienza diversi.
Numerosi sono inoltre i progetti di innovazione sociale, tra cui Speed Up – finanziato dal programma Interreg Europe e coordinato dal Comune di Firenze – incentrato sul sostegno all’imprenditorialità e agli incubatori di impresa e BIC (Bullying in Institutional Care) – co-finanziato dalla Commissione europea – per la prevenzione e la lotta contro il bullismo. Ma sono solo due esempi dei numerosi progetti in fase di sviluppo, che a vari livelli mirano a coprire più problematiche possibili sul territorio.

Infine, ma non per questo meno importante, la rassegna di Cinema in famiglia: giunta alla sua terza edizione – presso il Cinema Teatro La Compagnia di via Cavour -, è la rassegna cinematografica rivolta parallelamente a genitori e figli, rendendo il cinema un luogo di incontro e socialità. Per gli adulti è prevista la proiezione di un film con dibattito a seguire, mentre nella saletta accanto i più piccoli saranno impegnati nella visione di un cartone animato sullo stesso tema seguito da laboratori creativi. Un modo sicuramente piacevole per venire incontro alle esigenze familiari!

Roberta Poggi

Share.

About Author

firenzeurbanlifestyle.com

⚡ Free magazine e sito web sulla vita a Firenze ⚡instagram: @ful_magazine

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00