Stanley Tucci e le buchette del vino a Firenze

0

Stanley Tucci, attore geniale e poliedrico, sarà l’inviato speciale di Stanley Tucci: searching for Italy una serie tv prodotta dalla CNN sulle meraviglie dell’Italia che andrà in onda il 14 febbraio, una specie di grand tour compiuto dal celebre attore in giro per il bel Paese alla scoperta dei luoghi, delle curiosità e delle eccellenze da mostrare al pubblico americano.

Ma perché scegliere proprio Stanley Tucci?

L’attore è stato scelto non solo per il suo cognome tutto italiano – i nonni erano originari della Calabria – ma anche per il suo stile di vita made in Italy. Infatti è un raffinato amante dell’arte e nel 2017 ha diretto Final portrait. L’arte di essere amici, un film sugli ultimi anni di vita del pittore Alberto Giacometti, di cui dice: “Giacometti ha realizzato opere pittoriche e scultoree che sembrano create in epoca preistorica e contemporanea allo stesso tempo. È stato l’artista che meglio di tutti ha espresso la condizione umana”.

L’altro grande amore di Stanley Tucci è il cibo italiano che lui stesso cucina nel tempo libero; nel 2012 ha pubblicato The Tucci Table: Cooking with family and friends un libro di ricette che affonda le radici nell’infanzia dell’attore e nella profonda intimità dei suoi legami.

Stanley Tucci ha inoltre un legame particolare con Firenze perché negli anni ’70 la sua famiglia da New York si trasferisce proprio qui per circa un anno; il giovane Stanley frequenta la scuola media Gaetano Pieraccioni e gioca a calcio con i vicini di casa. Non è davvero un caso se la prima puntata di Searching for Italy è dedicata a Firenze: l’attore si aggira per le strade del centro affascinato dalla bellezza, ricordando gli anni dell’adolescenza.

Guidato dalla storica dell’arte e guida turistica Elisabetta Digiugno, Stanley Tucci coglie l’occasione a Santo Spirito, cuore della movida fiorentina, per fare una sosta da Babae: davanti a un bicchiere di vino rosso l’attore è colpito dall’esistenza delle “piccole porte del paradiso”, le buchette del vino che nacquero durante il Seicento in Toscana per praticare il commercio a distanza, espediente tornato utile quest’estate dopo la prima ondata della pandemia. Ve ne avevamo già parlato qui.

E a proposito di pandemia, Firenze e alcol, ad aprile Stanley Tucci ha pubblicato un video su Instagram in cui regala ai suoi follower una lezione di mixology: la ricetta del Negroni perfetto (il cocktail ha quasi un secolo di vita, ve lo abbiamo raccontato qui).

A questo punto non rimane che dargli le chiavi della città

Share.

About Author

Avatar