Torna il River to River, il meglio del cinema indiano

0

Dal 3 all’8 dicembre si svolgerà il festival River to River, il meglio del cinema indiano, giunto alla ventesima edizione che per quest’anno si svolgerà online nella sala virtuale Più Compagnia del cinema La Compagnia di Firenze sulla piattaforma mymovies.it.

In sala virtuale…ma solo per il momento

“Sarà un’edizione speciale, per raggiungere gli appassionati ‘lontani ma vicini al festival’.Ovviamente il ‘calore della sala’ e il contatto diretto con le persone durante un festival resta per noi importante, per questo stiamo lavorando per celebrare questo traguardo così importante con una 3 giorni di proiezioni e eventi speciali, al cinema La Compagnia di Firenze, appena sarà possibile assistere ad eventi in presenza” dice la direttrice del festival Selvaggia Velo.

Le fa eco il presidente di Fondazione Sistema Toscana Iacopo di Passio: Pur vivendo una situazione difficile, a causa dell’emergenza sanitaria, il cinema non si ferma, così come non si fermano le attività culturali online de La Compagnia, la Casa del Cinema della Regione Toscana. Per cercare di non annullare tutti gli appuntamenti cinematografici in programma a La Compagnia, ci siamo dovuti velocemente reinventare, creando una sala virtuale, la piattaforma in streaming Più Compagnia, che ci ha consentito di far fruire i festival, allargando la nostra platea e manifestando la nostra vicinanza al pubblico, sia a quello consolidato che a quello più ampio, raggiunto grazie alle possibilità del Web. La piattaforma online ci ha consentito di confermare la nuova edizione del River to River, un festival che non è solo un momento di svago e intrattenimento ma un’occasione che consente di continuare ad interrogarsi su temi di grande attualità e soprattutto di mantenere vivo il legame intenso con l’India e con il suo cinema, dalla grande capacità di testimonianza sociale.”

I protagonisti della ventesima edizione

In questa edizione sono protagoniste le storie di riscatto sociale, ma anche i  rapporti con intelligenze artificiali come nei film “Cargo” di Arati Kadav (sabato 5, ore 20.30), ambientato su un’astronave, che tratta con ironia il tema della reincarnazione, o il futuro nel mondo distopico di “Manny” (venerdì 4, ore 20.30). Per l’occasione torneranno disponibili due film di grande successo: la commedia romantica “Manmarziyaan” di Anurag Kashyap (sabato 5, ore 15.00 e  “Sir – Cenerentola a Mumbai” di Rohena Gera (venerdì 4, ore 22.00), una moderna favola sentimentale che affronta il tabù sociale della differenza di casta.

Ospite d’onore di questa edizione sarà la scrittrice e attivista Tara Gandhi Bhattacharjee, nipote del Mahatma Gandhi e presidente del National Gandhi Museum, in collegamento martedì 8 dicembre alle ore 12.00, per l’incontro “Il khadi come tessuto simbolo dell’eleganza e dell’indipendenza indiana”.

Da segnalare anche il corto animato Photograph dell’illustratore indiano Ashutosh Pathak, sull’India ai tempi del Covid, e un focus sull’Himalaya, una serie di proiezioni e un talk sul tema (6 dicembre).Tutti gli incontri di approfondimento – quest’anno chiamati “River to River Chai Time”, letteralmente “l’ora del Chai” – in onore del famoso the aromatizzato indiano – saranno disponibili sulla piattaforma a partire da venerdì 4 dicembre, ogni sera alle ore 18.00, durante i quali si potrà ascoltare e dialogare virtualmente, con i registi e i protagonisti del film passato in programma la sera prima.

Altre iniziative, che spaziano dalla letteratura alla cucina, saranno messe a disposzione dai partner del festival come la libreria fiorentina Tatatà che proporrà un percorso letterario associato ai film in programma al River to River o la lezione di cucina indiana, lunedì 7 dicembre, dalle ore 19.00 alle 22.00 presso il  CESCOT, Piazza Pier Vettori  8/10 (Firenze).

Come seguire il festival

Sarà possibile seguire l’intera programmazione del Festival online con un abbonamento di 9.90 € acquistabile a questo link https://www.mymovies.it/ondemand/river-to-river/ . Tutti i contenuti live – tra cui gli incontri con gli ospiti, i registi e le presentazioni dei film – saranno accessibili e sempre disponibili gratuitamente sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del festival.

Share.

About Author

Lucrezia Caliani

Sono nata in un caldissimo agosto del 1991 a Firenze e mi sono innamorata dell’arte da bambina, guardando un poster di Mirò appeso nel mio salotto. Da allora non ho mai perso questa passione che mi ha portato a laurearmi in Arte Contemporanea prima e poi in Critica d’arte affascinata sempre di più dall’idea che l’arte sia un linguaggio tanto universale quanto soggettivo, capace più di ogni altro di raccontare il nostro tempo