Crisi settore moda, ne parliamo con l’imprenditore fiorentino Tommaso Santoni

0
2 di 3

Quindi spostare tutto: le collezioni, le fiere, la produzione e la consegna dei capi d’abbigliamento?

Esatto, se tutti i grandi marchi stanno spostando gli eventi, da Pitti alle varie Fashion week, è necessario dare una boccata d’ossigeno alle vendite. Si sono persi almeno due mesi di esposizione dei capi a prezzo pieno, ricordiamo che i saldi sono la rinuncia ad un margine di profitto su della merce che comunque è stata acquistata a prezzo pieno. E poi, ripeto, climaticamente la fine della stagione sarebbe a settembre.

Naturalmente questa deve essere una direzione univoca di sistema, a livello europeo, perché non sia bypassata dallo shopping on line. Ovviamente la situazione ha una ripercussione anche sulla prossima collezione invernale, a causa del lockdown è impossibile spostarsi, difficile reperire le materie prime e siamo in ritardo sulla produzione.

Insomma, si prefigura una crisi anomala che riguarda la domanda e l’offerta…

2 di 3
Share.

About Author

Francesco Sani

Classe 1979, è giornalista pubblicista. Sopravvissuto agli anni Novanta, a quel decennio resta culturalmente legato. Sono note le sue passioni per la musica rock, l'Empoli Football Club e la fotografia. A 11 anni tentò di rubare una bandiera del Partito Comunista Italiano alla Festa dell'Unità.