Perché sulla statua di Ferdinando de’ Medici si trova uno sciame d’api?

0

Centro storico fiorentino, Piazza Santissima Annunziata. Qui, al centro, si erige podestosa la celebre statua equestre di Ferdinando I de’ Medici. Se è impossibile non notarla, è certamente più difficile scorgere ciò che si trova sopra il suo piedistallo.   

La statua, raffigurante il Granduca di Toscana a cavallo, fu Ideata da Giambologna e portata a termine dal suo allievo Pietro Tacca nel 1607. Se poniamo attenzione alla sua base, nella parte posteriore, noteremo piuttosto incuriositi uno sciame d’api, perfettamente disposte in una serie di cerchi concentrici con l’ape regina al centro. Sopra l’opera, riecheggia il motto latino “Maiestate Tantum”, a celebrare l’aspetto grandioso della figura rappresentata. Infatti, le api altro non sono che un’allegoria del potere fiorentino: l’ape regina rappresenta, nell’intento del suo autore, lo stesso Granducato, mentre le api disposte attorno non sono altro che i cittadini di Firenze, laborioso e leali verso il potere costituito.

Contare le api, il gioco dei bambini in Piazza Santissima Annunziata

Contare le api in bronzo è uno dei giochi preferiti dei più piccoli che transitano da Piazza Santissima Annunziata, mentre gli adulti che si cimentano nell’impresa vanno incontro ad una sfida dalla quale è molto difficile uscirne vincitori. Pare infatti che stabilire il numero esatto sia praticamente impossibile, dato che la forma del disegno non favorisce affatto il conteggio degli animali rappresentati. 

La leggenda vuole che chi riesce a contarle tutte senza toccarle o indicarle, sarà baciato dalla Fortuna. Quando passate da Piazza Santissima Annunziata concedetevi un tentativo: per il premio in palio ne vale la pena . E chissà, magari i primi a riuscire a compiere l’impresa – e ad essere adeguatamente ricompensati – sarete proprio voi.

Ph di copertina al link di seguito qui

Share.

About Author

Sacha Tellini

Mi sono laureato in Comunicazione, Media e Giornalismo, corso di laurea che ho svolto presso la facoltà di Scienze Politiche "Cesare Alfieri" di Firenze. Successivamente, ho conseguito un diploma di master in Pubblicità Istituzionale, Comunicazione Multimediale e Creazione di Eventi presso la facoltà di Lettere e Filosofia, sempre a Firenze. Da appassionato di comunicazione -mio ambito lavorativo attuale- sono molto affascinato dalla scrittura. Amante della semplicità e animato da un forte spirito di condivisione, mi piace andare alla scoperta di novità che portino curiosità all'interno della mia vita.

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00