Urbangram, il dovere di essere sé stessi

0

Leonardo Catani, musicista e proprietario dello studio DDR a Prato, firma il suo primo progetto discografico intitolato “Urbangram”, nel quale i protagonisti indiscussi saranno i giovani artisti emergenti proveniente dalla scena urban della Toscana. 

urbangram leonardo catani

Disponibile da mercoledì 30 settembre su tutte le piattaforme musicali, “Urbangram” darà voce alla nuovissima tendenza musicale che lega insieme tre generi che trainano la scena musicale attuale, ossia il pop, la trap e l’hip hop. A guidare l’intera produzione del concept, un unico imperativo: quello di essere sé stessi.  “Urbangram” -ha dichiarato Leonardo Catani a questo proposito- “è uno speaker corner dove gli artisti sono chiamati a dire quello che pensano, senza filtro e senza condizioni, lasciandosi ispirare dai beat e dalla musica”. Avere la massima libertà di espressione artistica ha contribuito a generare molto entusiasmo intorno al progetto, le cui basi sono state gettate più di un anno fa. Concretizzatasi durante il periodo di lockdown – quando Leonardo ha cominciato a scrivere le basi strumentali del disco- l’idea ha coinvolto nel progetto undici ragazzi e ragazze provenienti dalle provincie di Firenze, Pisa, Pistoia, Prato e Lucca, alcuni scelti fra le collaborazioni già attive con lo studio DDR, altri scelti tramite i social network.  

leonardo catani

I protagonisti di Urbanagram

Chi sono dunque gli undici protagonisti di Urbangram? Ci sarà Paul, nome in arte di Giulio, classe ‘99, siciliano di Palermo trapiantato da anni a Firenze. Il suo primo EP, intitolato “Personale”, è uscito a inizio 2020. Insieme a Paul ci sarà anche Grinta, nome in arte di Pietro Matteo Griggio, classe ‘96, già noto a DDR per alcune collaborazioni presenti e passate. Il suo primo EP, “Vandals Stories” -pubblicato anch’esso ad inizio 2020- ha ricevuto un buon riscontro dai suoi ascoltatori. Niccolò Ferrara, in arte Sgamo, è un ragazzo del 2004 di Pontedera (PI), fattosi notare tanto per le sue tracce pubblicate su YouTube, quanto per i freestyle pubblicati su Instagram. Dalla periferia di Firenze arriva invece Jaredleti, classe 1999, conosciuta ai più per aver pubblicato l’ep “Cyano/ide”, al cui centro vi è una fusione di sonorità pop e trap. Commodo, all’anagrafe Nicolò, nasce a Firenze nel 1998: alle sue spalle, nonostante la giovane età, sono tanti i brani già pubblicati, da solo e in collaborazione con altri artisti. Da Prato, sono approdati nel progetto anche i Malacalle, realtà sempre più consolidata nel territorio toscano. 6EX, nome in arte di Nico Gianassi, parteciperà al progetto in collaborazione con Dvlhs – Devils House Studio– duo di Prato fondato da Gab (Gabriele Sandre) e Joung (Omar Lach hab) nel 2008. F.Music è un trio animato da tre ragazzi di Firenze, la cui ambizione è quella di portare a giro per tutta l’Italia il racconto delle loro vite inciso nei loro brani musicali. Angio, fresco di pubblicazione del suo ultimo singolo, “Brivido”, arriva da Viareggio: ha 18 anni e un gran voglia di rappare. Nkey, nome in arte di Nadia Kebir, è nata a Caltagirone l’11 ottobre del 1996 da padre tunisino e madre siciliana. Oggi risiede a Prato: è con molto entusiasmo che ha risposto presente al progetto di Leonardo Catani. La musica, è per lei una perfetta compagna di viaggio. Nadia compare nel pezzo Human, traccia contenuta nell’EP “Vandals Stories” pubblicato da Grinta a inizio 2020. Infine, dal quartiere fiorentino di Novoli arriva Libre, nome in arte di Johnatan Cosenza. Classe ‘96, è un rapper dal flow molto tecnico, che è solito abbinare ad una grande capacità interpretativa. Ha da poco pubblicato il singolo “L’altro me”, che farà parte di un album in uscita nei prossimi mesi. 

Urbangram - la cover del progetto musicale.
I nome dei protagonisti di Urbangram

La scelta di far disegnare la copertina del progetto musicale a Ninjaz, uno dei writer più blasonati della scena artistica fiorentina, rinsalda ancora di più il legame con il mondo urban. 

Le premesse per vedere un lavoro fatto in grande stile ci sono tutte. Amanti della scena urban, ci siamo: ne vedremo delle belle.  

Per le due immagini, si ringrazia DDR STUDIO.

Share.

About Author

Sacha Tellini

Mi sono laureato in Comunicazione, Media e Giornalismo, corso di laurea che ho svolto presso la facoltà di Scienze Politiche "Cesare Alfieri" di Firenze. Successivamente, ho conseguito un diploma di master in Pubblicità Istituzionale, Comunicazione Multimediale e Creazione di Eventi presso la facoltà di Lettere e Filosofia, sempre a Firenze. Da appassionato di comunicazione -mio ambito lavorativo attuale- sono molto affascinato dalla scrittura. Amante della semplicità e animato da un forte spirito di condivisione, mi piace andare alla scoperta di novità che portino curiosità all'interno della mia vita.

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00