Il Giardino dei Tarocchi: tra esoterismo e realtà

0

Il giardino psichedelico e onirico che ci fa sognare da più di venti anni.

Capalbio nel 1998 vede aprire, nella sua campagna, un misterioso parco ispirato al gioco dei tarocchi. L’autrice è l’artista Niki de Saint Phalle che dopo aver visitato la Spagna di Antoni Gaudí e il Parco di Bomarzo inizia a immaginare il suo giardino delle sculture. Un luogo in cui le architetture sarebbero divenute opere d’arte, i colori avrebbero assunto la forma di storie e i sogni sarebbero stati la reincarnazione dei suoi spiriti.

In questo viaggio demiurgico, Niki de Saint Phalle è stata accompagnata – in perfetta simbiosi – dai suoi collaboratori e operai, da Venera Finocchiaro – che si occupava delle ceramiche – e dal secondo marito Jean Tinguely – scultore svizzero autore delle surreali macchine cinetiche in ferro.

Non esistono visite guidate all’interno – per volere di Niki. La libera e personale interpretazione come unica chiave di lettura possibile. Ognuno di noi è lasciato solo con sé stesso a vagare nel parco. Cosi da sprigionare la più privata delle fantasie. Tra i 22 arcani dei Tarocchi.

La Papessa, il Mago e l’Imperatrice, in una danza psichedelica, danno inizio alla magia. La “spasmodica dilatazione delle forme” e i colori – che ricordano quelli di Picasso, Kandinskij e Klee – sono strabilianti. La simbologia e l’esoterismo esplodono poi all’ennesima potenza in quella che è stata la casa di Niki de Saint Phalle:la Sfinge. Non uno spazio vuoto ma una vera e propria abitazione – con doccia, letto, forno e frigorifero.

Molto emozionante è la piccola cappella fatta di specchi con le foto di chi il Giardino dei Tarocchi lo ha costruito.

Le sculture in acciaio, cemento, specchi, vetri e ceramiche colorate creano un percorso iniziatico e metafisico. Entrerete a far parte di un labirinto caleidoscopico da cui non vorrete più uscire. Come in un sortilegio, il Giardino dei Tarocchi vi farà risvegliare nel Sottosopra.

Tutto quello che volete/dovete sapere lo trovate sul sito: Il Giardino dei Tarocchi

Foto: Federica Gerini

Share.

About Author

Avatar

Fabrianese di nascita ma fiorentina di adozione, con la passione per i viaggi, la fotografia e l’architettura. Classe 1991, Pesci, collezionatrice seriale. Laureata in Architettura, indosso mocassini e ascolto indie rock. Leggo libri e vedo film.Dal 2017 ho il mio Blog di viaggio Tornopercena.com e oltre a collaborare con FUL – Firenze Urban Lifestyle, scrivo anche per National Geographic Traveler, Artribune e Viaggio nel Mondo.

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00