Farmaci per la vita eterna? Li scoprirono i Medici

0
2 di 3

Naturalmente i Medici non furono esenti da questa pratica, gli esponenti più illustri della famiglia si cimentarono in ricerche sfrenate di farmaci fatati, che avrebbero intagliato i loro nomi nelle pietre dei millenni, per sempre. L’alchimia fu il grande progetto segreto di Cosimo I, che fece adibire una stanza, a Palazzo Vecchio, a vero e proprio laboratorio per fondere metalli. Ore, giorni, settimane, mesi di esperimenti incredibili per plasmare la materia e fabbricare il bramato oro, che avrebbe consegnato un prestigio infinito. Il figlio Francesco I alzò la posta, spostò l’officina al Casino di San Marco, invitando modellatori, alchimisti, distillatori ed erboristi, gettando legna di quercia nel fuoco dei segreti, incoraggiando nuove fusioni, nuove ricette, nuove alchimie. Dal 1586, il piccolo laboratorio nascosto di Cosimo I divenne un vero e proprio nucleo di ricerche e sperimentazioni, con una sede di lusso, oggi famosa nel panorama internazionale, conosciuta dal mondo intero col nome di “Galleria Degli Uffizi”. Ebbene sì, il forziere di reliquie laiche, tesoro di Firenze e dei fiorentini, visitato ogni giorno da migliaia di turisti affamati di cultura, un tempo era la casa di artisti-scienziati, che frullavano erbe e sostanze per dare vita a farmaci di benessere.

2 di 3
Share.

Sostieni FUL – Magazine

FUL Magazine nasce nel 2011 con l’intento di far conoscere un’altra Firenze, quella #oltrelacupola. Da allora raccontiamo la cultura urbana, l’arte, la fotografia, la street art, la musica, il design e le innovazioni della nostra città. Le grandi mostre e le piccole gallerie, gli eventi internazionali e quelli più underground, il cibo di strada e i ristoranti, i cocktail bar e i bar storici o i vinaini e ancora, i teatri, i cinema e le persone. Insomma, una città unica al mondo che potete trovare sul nostro sito, sui nostri social e sulla nostra rivista cartacea.

Siamo orgogliosi della nostra indipendenza, crediamo profondamente nella nostra offerta informativa e culturale e pensiamo che possa contribuire a far vivere la nostra città in modo intenso, ma sempre critico. Ci sforziamo e ci sforzeremo sempre per mantenere FUL gratuito ma, come potete immaginarvi, non è facile. Se quindi apprezzate quello che facciamo, avete la possibilità di sostenerci con un contributo. Grande o piccolo che sia, sarà comunque per noi importantissimo per migliorare il nostro modo di fare giornalismo e la vostra informazione. Grazie!

Informazioni Personali

Totale Donazione: €2,00